Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement

7 Gennaio 2021

Il mercato dei dispositivi medici nell’anno della pandemia

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

La spesa per dispositivi medici nei primi nove mesi del 2020 è scesa del 10%, secondo i dati di Iqvia. La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di gennaio 2021.

 

L’ANNUS HORRIBILIS della pandemia ha influenzato anche il mercato dei dispositivi medici in Italia. È quanto evidenziano i dati di Iqvia, il provider globale di dati, analisi, consulenza e tecnologie innovative in ambito medico-farmaceutico. Infatti, la spesa totale per i dispositivi medici consumati negli ospedali italiani è diminuita dai 4,1 mld di euro registrati nei primi nove mesi del 2019 ai 3,7 mld nello stesso periodo del 2020 (-10%).

 

 

La pandemia ha inciso negativamente, infatti, sul consumo di tutti quei dispositivi collegati, per esempio, a procedure chirurgiche considerate non urgenti, come le protesi oculistiche (meno 35% a valori) e le protesi vascolari e cardiache (meno 13% a valori). Mentre per quanto riguarda le protesi ortopediche impiantabili (come quelle per il ginocchio, l’anca, la spalla, e così via) il calo a valori è stato del 23%. La generale diminuzione a valori nel consumo ospedaliero di dispositivi medicali è stata parzialmente compensata dalla crescita di consumi di prodotti per la diagnosi del Covid-19.

 

 

In particolare, i dispositivi per la diagnostica in vitro sono aumentati del 65% a valori, crescita guidata soprattutto dai reagenti impiegati nei test immunologici per malattie infettive che aumentano a valori a tripla cifra (+264%) nel periodo gennaio-settembre 2020. Inoltre è da segnalare la crescita nel consumo dei tamponi per i prelievi nasofaringei che aumentano del 745% a valori rispetto ai primi nove mesi del 2019.

 

 

Sono aumentati nei primi nove mesi dell’anno anche i consumi di dispositivi per la terapia del coronavirus come le maschere respiratorie (+41%), i circuiti respiratori (+19%) e la strumentazione per il monitoraggio dei parametri vitali (+96%). Se il consumo a valori di dispositivi medicali è sceso, invece c’è stato un incremento a volumi nei primi nove mesi del 2020 (+2%), dovuto soprattutto al forte aumento nel consumo di unità a basso costo come, per esempio, le mascherine (+69%). Infatti, sono aumentati a valori i consumi di camici (+93%) e guanti (+23%) non chirurgici e – soprattutto – di mascherine chirurgiche (+429%).

 

 

“Il mondo ospedaliero è radicalmente cambiato in questi mesi. Infatti, i fenomeni evidenziati da questi dati confermano che l’attività degli ospedali si è dovuta prevalentemente concentrare sull’assistenza dei malati di Covid-19, rimandando purtroppo a tempi migliori le cure e gli interventi ritenuti non urgenti”, commenta Sergio Liberatore, amministratore delegato di Iqvia Italia.

 

 

Purtroppo, infatti, “questo annus horribilis ha visto una pesante riduzione dei ricoveri e degli interventi diagnostici anche per malattie gravi come quelle oncologiche, cardiologiche e polmonari. Tutto questo ha chiaramente avuto un impatto importante anche sul mercato dei dispositivi medicali”.

 

La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di gennaio 2021. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.