Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Ok del Cdm, arriva l’obbligo di green pass per i prof

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Sarà necessario per i professori di qualsiasi ordine e grado e per gli studenti universitari. Bisognerà esibirlo per viaggi su mezzi a lunga percorrenza, non su metro e bus. Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al nuovo decreto green pass, proprio a poche ore dall’entrata in vigore del precedente provvedimento che stabilisce quali siano le attività per cui è già richiesta obbligatoriamente la certificazione verde.

Il ministro della Salute ha parlato di “numeri incoraggianti” sul versante vaccini, con “70 milioni di dosi somministrate”, con “il 62% delle persone vaccinabili che hanno già completato il ciclo vaccinale e il 68% delle persone vaccinabili che hanno ricevuto almeno la prima dose”. “In questa fase – ha sottolineato – la scelta del governo è investire sul pass per evitare chiusure e tutelare la libertà”.

Scattano le sanzioni per gli insegnanti che non lo avranno: saranno infatti sospesi e non riceveranno lo stipendio dopo 5 giorni di assenza. Come si legge nel testo, la misura è stata decisa “al fine di garantire la salute pubblica e mantenere adeguate condizioni di sicurezza nell’erogazione in presenza del servizio essenziale d’istruzione” e “ il mancato rispetto” verrà considerato “assenza ingiustificata”. Per questo, “a decorrere dal quinto giorno di assenza, il rapporto di lavoro è sospeso e non sono dovuti la retribuzione né altro compenso o emolumento, comunque denominato”.

Il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, ha spiegato che è stato dato “mandato a Figliuolo di predisporre un piano di screening della popolazione scolastica. Facciamo un appello a tutte le famiglie di proseguire nella vaccinazione anche dei ragazzi. Tutti dobbiamo tornare a vivere la scuola in piena presenza, la vaccinazione è il modo per farlo”.

Altra novità riguarda, poi, la quarantena. La cabina di regia che si è riunita prima del Consiglio dei ministri ha stabilito che scenderanno a 7, invece degli attuali 10, i giorni di isolamento per chi, avendo concluso il ciclo vaccinale (ossia 2 dosi, per i vaccini che le prevedono) ha avuto un contatto con una persona positiva al Covid. Al termine sarà però necessario un tampone molecolare negativo.

E, a proposito, il commissario Francesco Figliuolo ha siglato un accordo con le categorie che rappresentano i farmacisti in base a cui vengono fissati prezzi calmierati per i test antigienici rapidi: 8 euro per gli under 18 e 15 per gli over.

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
pfizer health

Leggi anche

I più letti