Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Su ‘Wikipene’ tutto quello che avreste voluto chiedere

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
wikipene

Protagonista del linguaggio, tra metafore, ingiurie e fantasiosi paragoni, il pene resta un mistero per moltissimi uomini e donne. Così due autori hanno pensato di fare chiarezza, dedicandogli una sorta di monografia: ‘Wikipene. Manutenzione, prevenzione e cura’ (Giunti editore), dell’urologo Nicola Mondaini e dell’esperta di comunicazione Patrizia Prezioso.

“Un libro nato con l’obiettivo di fare informazione e prevenzione: gli individui biologicamente maschi sono nel mondo circa 3,7 miliardi, ma solo una minoranza conosce esattamente come è fatto, funziona, evolve, si ammala e guarisce il loro organo di riproduzione”, spiega Prezioso.

Così Wikipene parte dall’inizio, spiegando in un linguaggio chiaro e comprensibile come è fatto e come funziona quest’organo, e fin dal bambino analizza le varie fasi legate allo sviluppo, ma anche ai possibili disturbi, arrivando alle emergenze e alle patologie nell’anziano.

Nel testo si analizzano numerosi temi, dalla questione ‘spinosa’ delle dimensioni, a quella che Mondaini chiama “l’inutile ansia delle madri“. E in questo caso è bene fare attenzione: “Le parole possono avere un grosso impatto sulla psiche, tanto di un bambino quanto di un giovane adulto”, ammonisce l’esperto.

Dunque è bene tenere a mente che “tra i 12 e i 15 anni di età le preoccupazioni circa le dimensioni del pene sono del tutto premature, salvo casi specifici e molto rari. Tra 16 e 18 anni è possibile invece formulare una valutazione obiettiva delle dimensioni e stabilire se ci si trovi in presenza di una situazione che rientra nella norma statistica” o meno.

In caso di dubbi, basta sfogliare le circa 230 pagine di Wikipene per chiarirsi le idee. E non è un caso che il volume sia dedicato “a tutti i pazienti, dai quali abbiamo imparato che ascoltare è la prima medicina“.

Parte dei proventi saranno devoluti alla Fondazione Cure2Children Onlus, nata per volontà dell’oncologo Lawrence Faulkner e di un gruppo di genitori che vivono il dolore di un figlio colpito da una malattia Onco-ematologica.

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
Animaaa
pfizer health

Leggi anche

I più letti