ABOCA
WOBI HEALTH

Covid in Italia, il virus corre meno veloce ma ancora troppi morti

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Covid tamponi

Si riduce il numero dei tamponi e scendono anche i dati dei nuovi positivi a Covid-19 in Italia. Ma i morti restano ancora tanti, troppi. Secondo il bollettino del ministero della Salute nelle ultime 24 ore in Italia abbiamo registrato 83.403 nuovi casi di coronavirus e 287 morti, che portano a 141.391 il totale dei decessi dall’inizio dell’incubo Covid.

Sembra essere rallentata la corsa del virus, ma anche quella ai tamponi: tra rapidi e molecolari sono stati ‘solo’ 541.298. In ogni caso il tasso di positività scende al 15,4% (dal 16,1). Crescono invece ancora le terapie intensive (+26) e i ricoveri (+509), per un totale di 19.228 pazienti Covid. Ma ormai abbiamo imparato a capire che, se quando la curva è in salita il dato dei decessi è l’ultimo a crescere, anche quando scende è l’ultimo a cambiare rotta.

“Il parametro della mortalità migliora a un mese di distanza dagli altri – spiega a Fortune Italia Fabrizio Pregliasco, virologo, ricercatore del Dipartimento di Scienze Biomediche per la Salute dell’Università degli Studi di Milano e direttore sanitario Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi – considerando che fra una o due settimane probabilmente raggiungeremo i valori di plateau, neanche di picco, che si protrarrà per un po’ di tempo prima di un calo come è successo in Sudafrica e Inghilterra, colpite prima dalla variante Omicron”.

“Io credo – ci dice ancora Pregliasco – che la pandemia vada vista come una serie di onde provocate da un sasso nello stagno, che via via vanno a degradare. Omicron ha rialzato un po’ l’onda ma è anche vero che, pur nella sofferenza e nella pesantezza di questa situazione che in altre nazioni, ma anche da noi, sta creando problemi di stress e tenuta del sistema ospedaliero, sta facendo sì che una quota di noi sia per un po’ immune. Vuoi per l’infezione, vuoi per la vaccinazione. Un’immunità che non è per sempre: abbiamo visto che il 3% dei casi Covid è relativo a persone che si erano infettate nella prima ondata“.

E allora cosa ci aspetta? “Salvo varianti perfide, che possono sempre uscir fuori, ritengo che Covid-19 si inserirà come co-protagonista nella stagione influenzale invernale, probabilmente con un andamento simile a quello delle influenze inter-pandemiche, che negli anni abbiamo spesso analizzato e raccontato”.

Intanto dal tanto contestato bollettino Covid arrivano notizie positive sui guariti: nelle ultime 24 ore sono 76.679 (ieri 79.207) per un totale di 6.093.633, mentre gli attualmente positivi crescono meno, +6.421 unità, arrivando a ben 2.555.278. Di questi, 2.532.333 sono in isolamento domiciliare. Se moltissimi casi sono asintomatici e vengono scoperti quasi per caso, c’è da chiedersi quale sia il numero reale dei positivi in Italia.

ABOCA BANNER
a2a

Leggi anche

ABOCA BANNER
a2a

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.