Caffè, sorpresa: le capsule inquinano meno della moka

caffè cialde moka
Aboca banner articolo

Se leggere che il caffè fa bene ed è amico del cuore vi ha stupito, lo sarete ancora di più dopo l’ultima ricerca. Pare infatti che, in alcuni casi, tra le capsule monouso – viste come un incubo ambientale da molti – e la classica caffettiera, scegliere la prima soluzione possa generare emissioni una volta e mezzo in meno (in meno!) rispetto alla moka. Insomma, se siete amanti del caffè in capsula, d’ora in poi potrete sentirvi meno in colpa.

Capsule o caffettiera: questo il dilemma

La scoperta dei ricercatori dell’Università del Quebec a Chicoutimi in Canada, rilanciata dal Washington Post, mostra come presumere che l’imballaggio faccia il maggior danno all’ambiente è spesso fuorviante. Per gli esperti si deve considerare infatti l’intera durata di vita del prodotto, dal momento in cui viene realizzato a quando arriva in discarica, oltre che lo spreco delle materie prime.

Il segreto per emettere meno emissioni possibili sarebbe quello di usare la ‘giusta quantità’ di acqua e caffè, senza sprechi. Proprio come succede con le capsule, che utilizzano una quantità precisa e sempre costante di prodotto, motivo per il quale sono considerate più ‘ecologiche’. Secondo i ricercatori, il metodo della capsula non produce fondi di caffè, che devono poi essere buttati e rappresentano un ulteriore fattore inquinante per l’ambiente.

cialde monouso caffè

Ma la plastica delle capsule?

Anche se quando prepariamo il caffè con la capsula notiamo subito che lo ‘scarto’ è composto da plastica, “l’impatto dell’imballaggio, in generale, è molto minore del prodotto stesso“, secondo Shelie Miller, professore di sistemi sostenibili presso la School for Environment and Sustainability dell’Università del Michigan, intervistato dal Washington Post.

Il caffè tradizionale, inoltre, ha la più alta impronta di carbonio, principalmente perché vengono utilizzati più chicchi macinati per produrre la stessa quantità di bevanda. Un metodo che, secondo i ricercatori, tenderebbe a consumare anche più elettricità per riscaldare l’acqua e mantenerla calda.

“Evitare di sprecare caffè e acqua è il modo più efficace per ridurre l’impronta di carbonio”, ha affermato Luciano Rodrigues Viana, dottorando in scienze ambientali presso Chicoutimi e uno dei ricercatori che hanno condotto l’analisi. I dati hanno mostrato che, rispetto al tradizionale caffè, bere circa una tazza della bevanda prodotta da una capsula consente di risparmiare tra gli 11 e i 13 grammi di caffè.

moka caffè

Bisogna considerare quindi non solo gli scarti, ma il modo in cui avviene il consumo. Secondo l’Ufficio studi di Fipe, la Federazione italiana dei Pubblici esercizi, ad esempio, l’asporto di caffè dal bar nel nostro Paese genera 30 tonnellate di rifiuti di plastica al giorno.

Non solo: dipende anche da come viene generata l’elettricità, naturalmente. Una tazza di caffè filtrato in modo tradizionale, preparato utilizzando elettricità generata principalmente da combustibili fossili può produrre circa 48 grammi di CO2; in confronto, una tazza prodotta utilizzando principalmente energia rinnovabile può emettere circa 2 grammi di CO2. È chiaro che, guardando da questa prospettiva, la plastica cade in secondo piano.

produzione caffè

Produrre chicchi di caffè significa inquinare. Se lo sprechiamo, inquiniamo di più. Se utilizziamo la ‘giusta dose’ risparmiamo CO2

“Indipendentemente dal tipo di preparazione del caffè, la produzione di caffè è la fase che emette più gas serra – hanno scritto Rodrigues Viana e i suoi colleghi ricercatori – contribuendo a circa il 40-80% delle emissioni totali”. Il calcolo è presto fatto: per la produzione di baccelli di caffè, e per l’invio in discarica di quelli usati, si generano circa 33 grammi di CO2. Produrre 11 grammi di caffè Arabica in Brasile, la quantità che si può risparmiare utilizzando una capsula anziché preparando la ‘moka’, emette quasi il doppio di tale quantità: circa 59 grammi di CO2.

È chiaro che riciclare le capsule usate o passare a quelle riutilizzabili, potrebbe contribuire ulteriormente a ridurre l’impatto delle nostre scelte quotidiane. Secondo il professor Miller, però, prima di prepararsi una tazza di caffè, ancora più importante è chiedersi se la si berrà tutta.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.