Advertisement

8 Maggio 2020

Ospedali in cerca di normalità: l’effetto coronavirus sulla Lombardia

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il sistema lombardo è stato messo a dura prova dal coronavirus.  Dagli effetti devastanti a Bergamo
ai piani per la riorganizzazione a Milano. La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi e Federica Venni, è disponibile sul numero di Fortune Italia di maggio.

 

Per definire quello che è successo in Lombardia al dottor Fabio Pezzoli, direttore sanitario dell’Asst Papa Giovanni XXIII di Bergamo, basta una parola: devastante. “Devastante sul piano emotivo”, racconta a Fortune Italia, e “devastante per la riorganizzazione velocissima che abbiamo dovuto fare del nostro ospedale”, colpito dall’ondata di Coronavirus che in Lombardia ha fatto oltre 12mila morti, molti dei quali nella bergamasca. “Ammetto che ci son stati momenti in cui, quando accoglievamo nel pronto soccorso un centinaio di persone al giorno, tutte positive al Covid-19 e molte da mandare in terapia intensiva, l’ansia mi è venuta”. Ma oggi al Papa Giovanni si stanno preparando a ripartire, visto che anche i dati degli ospedalizzati e dei ricoverati in terapia intensiva stanno pian piano scendendo, segno che il virus sta rallentando. “Certo”, chiarisce Pezzoli, “una data non possiamo averla perché ad oggi non sappiamo quale sarà l’evoluzione di questa malattia né se l’autunno potrà farla tornare in modo prepotente”. Però, spiega il direttore, “da qualche settimana stiamo avendo meno accessi di pazienti Covid-19 al pronto soccorso, diciamo che per tre quarti siamo tornati a avere pazienti classici e questo ci porta a ragionare, a riaprire aree che definiremmo pulite, cioè non infette”. In Lombardia si è passati dai 724 posti di terapia intensiva pre-emergenza ai 1600 di fine marzo, un aumento del 110%. Al Papa Giovanni ne avevano 72 – una delle unità intensive più grandi d’Europa – e sono arrivati a 100. Ma ora bisogna tornare alla ‘normalità’, o almeno a qualcosa che le avvicini. 

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di maggio. Si può comprare in edicola e in versione digitale, oppure ci si può abbonare:

 

ABBONAMENTO CARTACEO

ABBONAMENTO DIGITALE

 

Comprate giornali e riviste, in edicola e online, abbonatevi se ne avete la possibilità. È l’unico modo per sostenere l’informazione anche in una fase difficile come quella che stiamo vivendo per l’emergenza Coronavirus.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.