Advertisement
Cdp Banner Interno

21 Ottobre 2020

Positano (BCG): Per la salute mentale manca il personale dedicato

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quando si parla di diritto alla salute mentale, un ruolo di tutela, importante, spetta anche allo Stato: cosa sta facendo l’Italia, in proposito? Lo abbiamo chiesto, nell’ambito della serie di podcast prodotti da Fortune Italia e Lundbeck, a Lorenzo Positano, Leader of the Healthcare practice in Italy, Greece, Turkey & Israel e managing director & partner di Boston Consulting Group.

 

Circa 850mila persone l’anno che sono colpite da problemi inerenti alla salute mentale, mentre addirittura “il 25% degli italiani ha almeno un problema inerente alla salute mentale durante l’anno”, dice Positano. “Purtroppo il problema non viene affrontato con le giuste risorse. Ha un impatto del 3,3% sul Pil italiano”, ovvero sul sistema sanitario nazionale. “È la metà di altre nazioni europee come Francia e Germania”. In Italia c’è un gap di personale dedicato di circa 9000 persone, “con punte del 75% di deficit per la tipologia di servizio. Questo deficit ovviamente obbliga il personale a intervenire su situazioni già gravi e croniche, con una scarsa attenzione ai soggetti in fase iniziale”. L’emergenza Covid ha purtroppo incrementato la diffusione di sintomi legati a disturbi della salute mentale, dice Positano. “Circa il 65% della popolazione italiana ha evidenziato sintomi di disturbi psicologici con una durata di oltre 15 giorni, durante il lockdown, contro il 58% della media europea”.

 

Ascolta “Lorenzo Positano: “Per la Salute Mentale manca il personale dedicato”” su Spreaker.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.