novanordisk
novanordisk 2
novanordisk 3
novanordisk 4
novanordisk 5
novonordisk 6
novonordisk 7
novonordisk 8
novonordisk 9
novonordisk 10
novonordisk 11
novonordisk 12
Novonordisk 13
novonordisk 14
novonordisk 15
novonordisk 16
bristol
 

Covid, in Svezia molti operatori sanitari si stanno licenziando

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
covid svezia coronavirus infermieri sanità

Di Bloomberg/Fortune.com – La Svezia deve far fronte a una grave carenza di operatori sanitari: dopo un anno passato ad affrontare la crisi del Coronavirus, molti di loro si stanno licenziando.

 

Sineva Ribeiro, presidente dell’Associazione svedese dei professionisti della salute, afferma che la situazione è “terribile”.

 

Anche prima della prima ondata di pandemia a marzo, c’era “una carenza di infermieri specializzati, anche in terapia intensiva”, ha detto in un’intervista telefonica.

 

Questa settimana, la capacità di terapia intensiva di Stoccolma ha raggiunto il 99%, mandando la città nel panico e causando richieste di aiuto dall’esterno. Ma anche se vengono forniti più posti letto in terapia intensiva, la preoccupazione maggiore ora è se la Svezia abbia abbastanza operatori sanitari con le competenze necessarie per prendersi cura dei pazienti più gravi del Paese.

 

Ribeiro dice che già a maggio i membri del suo sindacato “hanno avvertito che questa era una situazione insostenibile”. Ci sono meno persone qualificate disponibili ora che in primavera, “il che rende più difficile espandere la capacità di terapia intensiva”, ha detto.

 

Gli operatori sanitari sono emersi come gli eroi della crisi Covid; sono stati frequenti le scene in cui vengono applauditi da spettatori riconoscenti mentre escono dagli ospedali dopo turni lunghi ed estenuanti.

 

Ma sempre di più, il personale è così disperato di non avere un po’ di tempo libero che vede le dimissioni come l’unica via d’uscita, ha detto Ribeiro. Un sondaggio dell’emittente TV4 ha mostrato che in 13 delle 21 regioni della Svezia, le dimissioni nella professione sanitaria sono ora aumentate rispetto a un anno fa, fino a 500 al mese.

 

La richiesta d’aiuto all’esercito

 

Il Governatore della contea di Stoccolma Irene Svenonius afferma che la situazione è “estremamente tesa”. In un’intervista ha riconosciuto che gli operatori sanitari sono oberati di lavoro e che è necessario aggiungere personale. “C’è stanchezza”, ha detto. “Non si può ignorare il problema, quindi è estremamente importante avere più persone”.

 

Non è chiaro da dove verrà quella capacità extra. Stoccolma ha chiesto ulteriore personale sanitario alle forze armate svedesi, ma non è chiaro che i militari abbiano le risorse per aiutare. Nel frattempo, più di 100 membri del personale di un ospedale pediatrico sarebbero stati trasferiti in unità di terapia intensiva, il che significa che i bambini che avrebbero dovuto ricevere un intervento chirurgico non urgente ora saranno costretti ad aspettare.

 

La Svezia, che ha evitato un blocco dall’inizio della pandemia, si è rivolta anche ad altri paesi nordici per chiedere aiuto. Sabato, la vicina Finlandia ha dichiarato di essere pronta ad aiutare liberando spazio per i pazienti svedesi in terapia intensiva.

 

La preoccupazione è che, nonostante i progressi scientifici che consentono ai medici di comprendere e trattare meglio il Covid-19, non ci sono abbastanza professionisti rimasti per mettere in pratica quella conoscenza.

 

“Non abbiamo il personale per farlo”, ha detto Ribeiro. Ha descritto l’attuale crisi sanitaria che il paese deve affrontare come “senza precedenti”.

 

Lo stipendio

 

Parte del problema è che gli infermieri in particolare sono sempre più riluttanti a sottoporsi alle ore e alle condizioni che devono affrontare durante la crisi Covid, dato il livello di retribuzione medio. Sara Nordin, una volta assistente infermiera presso un’unità di terapia intensiva, ha detto a Bloomberg in ottobre che ha smesso perché non poteva sbarcare il lunario con la paga base di 33.600 dollari che ha guadagnato in un anno.

 

“Ho parlato con alcuni membri del sindacato ad agosto, e hanno detto che si sarebbero dimessi perché era l’unico modo per prendersi una pausa e riprendersi”, ha detto Ribeiro. “Vediamo alti tassi di sintomi di esaurimento da stress e operatori che sono stati infettati”.

 

Per la Svezia, il pericolo ora è che muoiano più persone perché non ci sono abbastanza professionisti sanitari qualificati rimasti per prendersi cura di loro.

 

“In un ambiente di lavoro in cui sei così stanco, il rischio di errori aumenta”, ha detto Ribeiro. “E quegli errori possono portare i pazienti a morire”.

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Leggi anche

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora