WOBI HEALTH

C’è anche l’influenza, quasi 3,3 mln gli italiani colpiti finora

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
influenza

Febbre, dolore alle ossa, naso che cola, tosse. Se l’anno passato era di fatto sparita per via delle misure anti-Covid, quest’anno l’influenza è presente in Italia, e sembra ‘convivere’ con il virus di Covid-19. Finora sono stati quasi 3,3 milioni gli italiani colpiti. Anche se i casi risultano in lieve calo nella seconda settimana del 2022, probabilmente per effetto della chiusura delle scuole nelle festività natalizie, dicono gli esperti. Inoltre il malanno di stagione non è certo confrontabile, per impatto, ai numeri delle stagioni più ‘pesanti’.

Secondo l’ultimo bollettino dei medici sentinella Influnet, diffuso dall’Istituto superiore di sanità, nel periodo 10-16 gennaio registra un’incidenza di sindromi simil-influenzali pari a 4,71 casi ogni mille assistiti, contro i 6,59 casi/mille della stessa settimana della stagione 2019-2020, l’ultima in cui è stata osservata un’epidemia stagionale di influenza, successivamente ‘saltata’ grazie alle restrizioni anti-Covid. Nel periodo in esame i casi stimati sono stati circa 279mila, per un totale di 3.284.000 italiani contagiati da inizio sorveglianza.

Ancora una volta i più colpiti sono i bambini sotto i 5 anni, con un’incidenza pari a 7,84 casi per mille nella fascia 0-4 anni. Il valore scende a 4,53 nella fascia 5-14 anni, a 5,34/mille nella fascia 15-64 e a 2,50/milla negli over 65.

In ogni caso il confronto con le precedenti stagioni influenzali evidenzia l’assenza della crescita della curva: tradizionalmente il picco si verificava nella seconda metà di gennaio o a febbraio.

L’Iss sottolinea poi che “la maggior parte dei casi di sindrome simil-influenzale segnalati sono riconducibili ad altri virus respiratori diversi da quelli influenzali, la cui circolazione è ancora di tipo sporadico”. In provincia autonoma di Trento, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Molise, Campania, Basilicata e Sardegna l’incidenza delle sindromi simil-influenzali è sotto la soglia basale, si legge nel bollettino. Valle d’Aosta e Calabria, si precisa, non hanno attivato la sorveglianza Influnet.

“Dopo un inizio nel mese di novembre abbastanza sostenuto, la stagione influenzale ha ora un andamento in linea con gli altri anni e al momento i virus influenzali registrati sul territorio sembrano non essere tanto potenti da causare numerosi casi gravi. Questo non significa – avverte Fabrizio Pregliasco, direttore scientifico di Osservatorio Influenza, associato di igiene generale ed applicata presso la sezione di Virologia dell’università degli studi di Milano e direttore sanitario Irccs Istituto Ortopedico Galeazzi – che non si debba prestare attenzione allo sviluppo dei sintomi dei virus influenzali, che mai come quest’anno possono essere confusi con altri virus”.

“In caso di sintomi, è bene sottoporsi al tampone per rimuovere qualsiasi dubbio. A proposito di questo, non è da sottovalutare la Flurona, ovvero la coinfezione di influenza stagionale e Covid: situazione non comune, ma neanche impossibile. Va da sé che, anche in questo caso, chi si è sottoposto per tempo alla vaccinazione sia antinfluenzale che antiCovid avrà una maggiore copertura contro questi virus”.

Il vero picco stagionale deve ancora arrivare ed è previsto per le prossime settimane, nella fase più fredda dell’inverno, ma non dovrebbe portare ad un particolare aumento del numero dei casi. Anche grazie al rinnovato utilizzo delle mascherine Ffp2 e di altre misure di sicurezza. “Si arriverà penso a 6 o 8 casi per mille assistiti, dati decisamente inferiori rispetto a quelli delle ultime tre stagioni prima di Covid, quando si erano registrati fino a 8-9 milioni di casi. Come nelle passate stagioni, il trattamento raccomandato in caso di influenza è quello dell’automedicazione per attenuare i sintomi senza azzerarli. No agli antibiotici se non su indicazione medica, sì invece agli antipiretici”, raccomanda Pregliasco.

a2a
REVERSE HEALTH

Leggi anche

a2a
REVERSE HEALTH

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.