fbpx

5 Giugno 2019

Rischio taglio di 2 mld al fondo sanitario nazionale

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un taglio di due miliardi al fondo sanitario nazionale. Questo è ciò che si evince dalla bozza del nuovo Patto per la salute. A lanciare l’allarme è l’assessore alla Sanità e l’Integrazione sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato. A meno di una settimana dalle dichiarazioni pentastellate su un presunto incremento del fondo sanitario – +4,5 mld nel triennio dal 2019 al 20121, scriveva sui social la ministra Giulia Grillo – la realtà alla Conferenza delle Regioni si presenterebbe molto diversa.

“Nella bozza di testo del nuovo Patto della Salute inviata dal Ministero della Salute non vi è certezza del livello di finanziamento, anzi contrariamente a quanto richiesto dalle Regioni, si subordina il finanziamento del prossimo anno alla variazione del quadro macroeconomico”, afferma D’Amato. Una postilla non da poco se si considera che, come spiega D’Amato, questo significa che “si sta preparando il taglio di 2 miliardi al fondo sanitario nazionale“.

Una eventualità che costituisce, di fatto, “un colpo mortale alla sanità ed al diritto alla salute – prosegue l’assessore – Le Regioni nel documento di avvio del Patto hanno sempre sostenuto l’esigenza di avere un quadro certo dei finanziamenti senza condizionamenti. Il testo proposto dal Ministero apre la strada al taglio del Fondo sanitario nazionale. È necessario che il Governo chiarisca”.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.