novanordisk
novanordisk 2
novanordisk 3
novanordisk 4
novanordisk 5
novonordisk 6
novonordisk 7
novonordisk 8
novonordisk 9
novonordisk 10
novonordisk 11
novonordisk 12
Novonordisk 13
novonordisk 14
novonordisk 15
novonordisk 16
bristol
 

Netiquette della salute

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
salute telemedicina

Il nuovo Galateo medico-paziente nell’era di smartphone e social. La versione completa di questo articolo, a firma di Margherita Lopes, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto 2021.

TELEMEDICINA, BIG DATA, intelligenza artificiale, ricette finalmente dematerializzate, analisi ed esami via e-mail. In questi mesi, complice la pandemia, abbiamo visto tante promesse della sanità digitale diventare realtà. Con camici bianchi e pazienti sempre più abili, giocoforza, nel ricorrere alle nuove tecnologie. Mentre la nostra casa si prepara a diventare ‘luogo di cura’, ci siamo chiesti come fosse cambiato il modo di rapportarsi degli italiani con il medico di famiglia dopo la pandemia di Covid-19.

“La dematerializzazione della ricetta è diventata la dematerializzazione della comunicazione diretta con il proprio medico”, ci racconta Silvestro Scotti, segretario generale nazionale Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale) e vice presidente dell’Ordine dei medici di Napoli. Convinto che ormai sia arrivato il momento di ‘varare’ un nuovo ‘Galateo delle interazioni digitali tra medico e paziente’. Una sorta di netiquette (dalla fusione del termine net, ovvero la Rete, ed etiquette) della salute: nuove regole di comportamento corretto e buone maniere – degne di un moderno monsignor Della Casa – da osservare quando si interagisce con il proprio medico di famiglia. A vantaggio di entrambi.

“Ormai riceviamo messaggi un po’ ovunque, via mail, sms ma soprattutto via WhatsApp. Solo che in questo modo, molto spesso, ci troviamo a dover richiamare il paziente per ulteriori informazioni, perché il suo messaggio non ci permette di dargli una risposta netta senza dover fare ulteriori domande. Se, ad esempio, ci vengono mandati i risultati di alcuni esami che risultano leggermente alterati, possiamo dover chiedere che tipo di dieta si sta seguendo o se si pratica attività fisica. L’invio delle informazioni, in assenza di comunicazione diretta fra paziente e medico, molte volte si trasforma in una cascata di messaggi e noi ci ritroviamo ad inseguire il paziente in cerca di dati ulteriori”.

Per non parlare del problema della privacy. “I cittadini semplicemente non si pongono il problema della presenza dei loro dati sanitari su piattaforme di cui non si ha il controllo (penso alla cancellazione del dato). Se si mandano referti via WhatsApp o informative su questo social, non si ha il controllo di ciò che si muove su questa piattaforma. Bisognerebbe partire, in termini di Galateo, dall’idea che questi sistemi ahimè non si possono usare per il dialogo sanitario. Tant’è che noi, come Fimmg, abbiamo anche prodotto una chatbox che permetterebbe di dialogare direttamente con il medico all’interno di un ambiente protetto. Una chatbox sanitaria nel rispetto della legge sulla privacy. Ma portare i cittadini su una piattaforma simile, rispetto ai sistemi che usano tutti i giorni, non è semplice, purtroppo”.

In fondo questo approccio via chat indirettamente “lo abbiamo valorizzato anche noi – ammette – ad esempio con l’invio via WhatsApp del numero della ricetta elettronica. Anche se in questo caso non si lede la privacy, perché si invia solo un codice senza informazioni rispetto alla salute del paziente”. Insomma, se il medico utilizza il mezzo avendo presenti alcuni ‘paletti’, il paziente spesso finisce per non porsi il problema.

Non solo, c’è la questione della ‘cascata di messaggi’. “Prima con gli sms se ne inviava uno solo, di senso compiuto, e finiva lì. La chat sui social incita invece al dialogo con il medico e, spesso, si trasforma in una conversazione a blocchi, in cui il paziente ignorato – magari perché il dottore sta visitando – diventa ossessivo e insistente”.

Scotti li chiama ‘i prepotenti della chat’. “Sono quei pazienti che spezzano il loro messaggio: Buongiorno dottore, primo messaggio. Vorrei dirle una cosa, secondo messaggio. Ho un problema, terzo messaggio. La disturbo in questo momento, quarto messaggio. Così il plin plin ossessivo e disturbante crea una serie di problemi al dottore, ma è anche un meccanismo per attirare la sua attenzione”.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto 2021. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Leggi anche

Bristol
INFRATEL
double for you 2

Ultim'ora