Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima

Dermatite atopica, disco verde in Ue per nuovo farmaco

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
dermatite atopica

Disco verde della Commissione Europea per un nuovo farmaco orale per il trattamento della dermatite atopica. Si tratta di upadacitinib (Rinvoq), un inibitore selettivo e reversibile di Jak per il trattamento delle forme da moderate a severe in adulti e adolescenti dai 12 anni.

Ne dà notizia AbbVie. La dose raccomandata nella dermatite atopica degli adulti è di 15 o 30 mg una volta al giorno (sulla base delle caratteristiche del paziente), e di 15 mg una volta al giorno per gli adolescenti (12-17 anni di età) e per gli adulti con oltre 65 anni di età.

“Accogliamo con favore l’approvazione europea di upadacitinib, che rappresenta un ulteriore importante passo in avanti per la comunità scientifica – dichiara Ketty Peris, presidente Sidemast, Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e di malattie sessualmente trasmesse – I medici hanno bisogno di queste terapie innovative per aiutare i pazienti a trattare e gestire meglio una malattia così complessa e multifattoriale come la dermatite atopica. Ci auguriamo che questa nuova e promettente opzione terapeutica sia resa presto disponibile in Italia”.

“La dermatite atopica è una malattia infiammatoria cronica della pelle molto frequente che colpisce circa il 10% degli adulti e il 25% dei bambini – afferma Monica Corazza, presidente Sidapa, Società Italiana di Dermatologia Allergologica Professionale e Ambientale – Si manifesta con arrossamenti e prurito, spesso intenso e a volte incontrollabile. Nei casi più gravi, l’infiammazione e il prurito possono avere un impatto dirompente sulla qualità di vita. Esiste un evidente bisogno clinico ancora insoddisfatto per i pazienti con tale patologia ma scienza e ricerca negli ultimi anni hanno fatto grandi progressi consentendo di sviluppare soluzioni terapeutiche più mirate e selettive”.

L’approvazione europea è supportata dai risultati di uno dei più ampi programmi di sviluppo di Fase 3 nella dermatite atopica che ha coinvolto oltre 2.500 adulti e adolescenti con malattia di grado da moderato a severo.

“Si tratta di un farmaco orale dotato di una notevole rapidità di azione sia sul prurito che sulle lesioni cutanee – spiega Francesco Cusano, presidente Adoi, Associazione Dermatologi Ospedalieri Italiani – Con upadacitinib il sollievo dal prurito si ha già dopo pochi giorni dall’inizio del trattamento e i risultati si mantengono costanti nel tempo. I dati degli studi clinici sono molto incoraggianti, upadacitinib si candida ad essere un trattamento capace di modificare in parte o del tutto il decorso della dermatite atopica attraverso un nuovo meccanismo d’azione”.

“La dermatite atopica ha un grande impatto fisico, sociale e psico-emotivo. Prurito, dolore, autoisolamento, insonnia, depressione, stress e stigma sociale sono solo alcune delle conseguenze che le persone con dermatite atopica vivono quotidianamente – dichiara Mario Picozza, presidente Andea, Associazione Nazionale Dermatite Atopica – La qualità della loro vita oggi può migliorare sensibilmente grazie alle nuove soluzioni terapeutiche. Il nostro appello è che le Istituzioni favoriscano un rapido ed equo accesso a upadacitinib in Italia, una nuova possibilità di cura per la dermatite atopica”.

Il medicinale è già approvato per il trattamento della dermatite atopica da moderata a severa in Russia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Nuova Zelanda e Cile, ed è attualmente sotto revisione della Fda (Food and Drug Administration) negli Stati Uniti.

SAS ARTICOLO
SAS HEALTH
Animaaa
pfizer health

Leggi anche

I più letti