11 Dicembre 2019

Startup, Davide Dattoli Businessperson of the year

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Hanno tutti fondato startup che hanno avuto successo. E catalizzato l’attenzione degli investitori. Ecco gli startupper che secondo la nostra valutazione meritano una segnalazione. La versione completa della classifica Businessperson of the year è disponibile sul numero di Fortune Italia di dicembre.

Siamo partiti dai risultati. Ma siamo andati oltre. Grazie alla base dati di Bureau Van Dijk – a Moody’s Analytics Company, abbiamo individuato attraverso i parametri economici e finanziari le aziende che negli ultimi tre anni hanno registrato le performance migliori, in otto settori chiave della nostra economia: industria, finanza, energia, food, pharma, tech, startup, moda. Abbiamo quindi aggiunto una nostra valutazione sulle aziende, privilegiando gli aspetti della sostenibilità e della propensione all’innovazione, e considerato fattori ‘più personali’ per i singoli manager, come il carisma, la visione strategica e la leadership. Non solo. Abbiamo anche tarato il nostro giudizio ispirandoci il più possibile a un parametro che ci sta particolarmente a cuore: la parità di genere. Il risultato non è una classifica puntuale ma la selezione di 10 manager per ogni settore, che secondo noi meritano di essere segnalati, e 8 profili che corrispondono ai nostri businesspeople’ of the year.

Startup

Davide Dattoli

Fondatore - Talent Garden

talent garden davide dattoli businessperson of the year bpoy

La lezione più importante che hai imparato in questi anni? “L’innovazione non parte dalla tecnologia ma dalle persone. Non esiste innovazione d’impresa se le persone non sono pronte e formate a recepirla, a sfruttarla a proprio vantaggio per ridefinire non solo prodotti e processi ma soprattutto il modo in cui lavorano. Ritengo che la tecnologia sia ovviamente fondamentale, ma se mancano le persone non c’è crescita”. Davide Dattoli, classe 1990, non ha ancora compiuto 30 anni, ma è già un imprenditore che conosce l’importanza del capitale umano. Anche perché nuota nel mare delle startup praticamente da quando era al liceo; ed oggi la sua (ex) startup è diventata un razzo lanciato nell’atmosfera. Era il 2011 e da Brescia Dattoli lanciava Talent Garden (Tag). L’idea, se vogliamo, era semplice: trapiantare in Italia il modello del co-working, cioè dello spazio condiviso dove lavorare in sostituzione del classico ufficio. Dove i ragazzi con idee e talento avrebbero potuto fare rete, formarsi, imparare l’uno dall’altro, accrescere il proprio business. Era un’ottima idea: Tag è diventato il maggior network di co-working in Italia e in Europa, solo quest’anno ha raccolto finanziamenti per 44 mln di euro, e punta a chiudere il 2019 con 24 mln di fatturato.

Gli altri imprenditori da segnalare

Benedetta Arese Lucini

Cofondatrice - Oval money

Davide D'Atri

Fondatore - Soundreef

Paolo Galvani

Cofondatore - Moneyfarm

Carlo Gualandri

Fondatore - Soldo

Enrico Pandian

Cofondatore - Frescofrigo

Matteo Pertosa

Fondatore - MatiPay

Ignazio Rocco di Torrepadula

Fondatore - Credimi

Norma Rossetti

Fondatore - MySecretCase

Giorgio Tinacci

Fondatore - Casavo

La versione completa della classifica Businessperson of the year è disponibile sul numero di Fortune Italia di dicembre.

Businessperson of the year Bpoy

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.