Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
pfizer

Gioielli ‘anti’ crisi, la storia di Kendra Scott

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Più che una previsione è ormai una certezza: i nuovi equilibri economici, verosimilmente sconvolti dall’emergenza Covid-19, presenteranno connotati molto differenti da quelli abituali. Il cambiamento più rivelante sarà l’accelerazione dei segmenti più innovativi a discapito di quelli tradizionali, destinati a soccombere senza una rivoluzione strutturale imperniata sulla digitalizzazione. Com’era prevedibile, chi si è fatto trovare pronto non soltanto è caduto in piedi, ma ha addirittura conquistato ulteriori fette di un mercato grazie alla presenza online. Zoom e Amazon sono due esempi perfetti di questa dinamica. Se l’utilizzo dei servizi di videoconferenze si è reso di fatto indispensabile per proseguire le attività lavorative in smart working, il colosso guidato da Jeff Bezos ha dovuto assumere quasi 200mila dipendenti per provare a gestire un quantitativo d’ordini semplicemente mastodontico.

 

Ma esistono anche altri casi meno pronosticabili, più insoliti, ma non per questo meno degni di nota. Ad esempio: può un brand di gioielli, mentre gran parte del pianeta si trova in quarantena con eventi mondani letteralmente azzerati, continuare a crescere superando le proiezioni di vendita pre-crisi? Se il nome è Kendra Scott la risposta è sì, e questo non è l’unico aspetto incredibile della sua storia.

 

Dietro al successo mondiale del marchio, presente con boutique monomarca in tutti gli Stati Uniti ed Europa, si nasconde un processo di crisi e rinascita che è l’emblema del sogno americano. Kendra Scott, oggi un’azienda miliardaria che dà lavoro a oltre 2mila dipendenti, nasce nel 2000 con appena 500 dollari e un sogno coltivato sin da piccola: quello di creare gioielli inconfondibili, diversi da tutti gli altri ma adatti ad ogni tasca.

 

Lo spirito imprenditoriale non è mai mancato all’omonima fondatrice, così come una propensione innata e genuina alla solidarietà. Oggi è tra le più attive a sostenere quella stessa comunità che ha contribuito a renderla una celebrità dell’imprenditoria nonché un case study analizzato da tutti i media, e anche la sua carriera di self-made woman ha origine nella filantropia. Appena diciannovenne e trasferitasi ad Austin (Texas) dal Wisconsin, Kendra ha ideato una linea di cappelli pensata per le donne sottoposte a chemioterapia, devolvendo poi quasi l’intero ricavato ad associazioni in prima linea nella ricerca contro il cancro. La filantropia, appunto; la stessa linea guida che la condurrà, costretta a letto da una gravidanza complessa, a disegnare gioielli, collane e orecchini per dare sfogo alla propria creatività. I 500 dollari investiti, allora tutti i suoi risparmi, delineano il primo tassello dell’impero.

 

Un impero che Kendra Scott deciderà di non trasferire altrove, ma di lasciare là dove tutto ha avuto inizio.

Quando ho cominciato – ricorda Kendra – non facevano che dirmi di andare via da Austin e trasferirmi a Los Angeles o New York per diventare un vero e proprio brand affermato nel mondo della moda. Qualcosa dentro però mi diceva di restare”.

Il sapiente connubio tra business online e boutique fisiche come la prima in assoluto sulla South Congress Avenue di Austin, una delle vie dello shopping tra le più frequentate del Texas ed equivalente delle italianissime via Condotti a Roma o via Monte Napoleone nel cuore di Milano, rappresenta una grande lezione per gli imprenditori: il digitale può essere un alleato fondamentale per non delocalizzare e creare valore aggiunto sul proprio territorio. Il ciclone dei mutui subprime del 2009 piega l’America e arriva a un passo dal far crollare anche Kendra Scott, che in meno di un anno sperimenta un calo del fatturato del 40%. La chiusura sembra imminente, e il divorzio dal marito sembra essere la valanga che rischia di travolgerla definitivamente. Ma è proprio quando il vento soffia contro che bisogna scommettere, e così farà Kendra.

 

Grazie al sostegno della Texas Capital Bank (“non li abbandonerò mai, mi hanno guardata come un essere umano e non come un numero”) inaugura il primo negozio di una lunga lista di store brandizzati. Il successo immediato cambierà il modo di concepire le gioiellerie su scala globale. A causa delle guardie armate preposte alla sicurezza e del clima di disagio a volte irrespirabile, “odiavo frequentarle”. Kendra Scott, al contrario, è riuscita a ridisegnare la relazione diretta tra venditori e cliente inventando un concetto di gioielleria profondamente diversa: “volevo che le clienti potessero interagire con il prodotto e divertirsi, toccare e sentire gli oggetti tra le mani, provarli, come succede nei negozi di vestiti”. Il passo successivo sarà il Color Bar, uno spazio innovativo nel quale la clientela è apertamente invitata a interagire maneggiando i materiali e personalizzando le proprie creazioni immerse in un clima informale ideato per mettere chiunque a proprio agio. I fondi di investimento si fanno avanti sempre più numerosi e le consentono di conquistare anche le due grandi capitali della moda a stelle e strisce, Los Angeles e New York.

 

Gran parte della crescita inarrestabile di Kendra Scott, come ama ricordare lei stessa, è dovuta all’assunzione del giusto personale. Il suo approccio ai colloqui è stato giudicato da molti analisti persino rivoluzionario. Contrariamente a quanto stabilito da una cultura aziendale verticistica, a valutare i nuovi assunti sono soprattutto gli impiegati stessi: “voglio che i lavoratori siano d’accordo, voglio che siano entusiasti dell’arrivo di una nuova persona”. Ed è proprio per questa ragione che il processo di assunzione messo in atto dall’azienda è tra i più complessi in assoluto. Tutti devono essere soddisfatti e condividere i valori fondanti del brand: famiglia e filantropia. Perché “quando le persone lavorano per qualcosa di molto più grande di un semplice prodotto, allora avrai lealtà”. Parola di Kendra Scott.

 

 

Microsoft Banner Articolo
Innova Finance
servier 3

Dello stesso autore

I più letti