Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
pfizer

Un governo no-partisan

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
mario draghi governo recovery plan

LA GENERAZIONE cui appartiene chi scrive affermava che il personale è politico. Figuriamoci se è possibile considerare non politico un governo. Ecco perché, nel dare l’incarico a Mario Draghi di formare un nuovo esecutivo, il presidente Mattarella non ha fatto mai ricorso a espressioni a-politiche, bensì ha richiesto che il nuovo esecutivo fosse slegato da “formule politiche” precostituite.

 

DUNQUE, NON UN GOVERNO PARTISAN, che rappresenti un’ala dello schieramento parlamentare; non bi-partisan, nella definizione del dizionario Treccani “partigiano di entrambe le parti in contrasto”; bensì no-partisan, sempre per Treccani “che concerne l’interesse collettivo, non considerando gli schieramenti e le parti politiche”. Nelle sue dichiarazioni programmatiche Mario Draghi si è rigidamente attenuto a questo mandato, sintetizzandolo nello “spirito repubblicano”. Ma ora viene il difficile. Perché il rischio è quello di cadere nella profezia di Giovanni Sartori, secondo la quale un governo è tanto meno incisivo quanto più ampia è la sua base parlamentare. Per dare concretezza allo “spirito repubblicano”, e per aderire alla sua stessa natura no-partisan, il governo Draghi è chiamato a scelte che finiranno per rappresentare una notevole discontinuità con il governo precedente, decisamente partisan, e addirittura concepito come padre di una nuova formula politica di centro-sinistra. Alcuni esempi sorgono immediati. Incarnando la visione di una certa sinistra, il governo Conte progettava un vasto intervento dello Stato nella proprietà delle imprese: da Ilva ad Autostrade, da Alitalia alla rete in fibra, fino ai 40 mld del Fondo patrimonio affidati a Cassa Depositi e Prestiti. Nulla di più partisan, con l’aggiunta di rendere ogni ritorno indietro lungo e costoso. Per cancellare scelte simili fatte negli anni ’30 del secolo scorso c’è voluto oltre mezzo secolo.

 

UN GOVERNO NO-PARTISAN non può proseguire su quella strada. Draghi ne è apparso consapevole quando ha detto che “il ruolo dello Stato e il perimetro dei suoi interventi dovranno essere valutati con attenzione”. Questo vuol dire che occorre cadere nella ‘profezia sartoriana’, limitarsi a non fare? Niente affatto. Sempre Draghi ha affermato: “Compito dello Stato è utilizzare le leve della spesa per ricerca e sviluppo, dell’istruzione e della formazione, della regolamentazione, dell’incentivazione e della tassazione”. Compiti sui quali si può trovare la convergenza no-partisan dello “spirito repubblicano”. E che da soli richiedono una chiarezza di disegno, una determinazione della guida politica, una efficacia nell’azione di governo che fanno tremare le vene ai polsi. L’altro esempio è la gestione della pandemia. In coerenza con un orientamento politico dirigista, per contrastare la pandemia il governo Conte si è affidato alla gestione del rubinetto dei divieti: nelle fasi di aumento dei contagi si stringeva il rubinetto, aumentando il novero dei divieti; nelle fasi favorevoli si allentava la stretta, rimuovendo gradualmente questo o quel divieto. Di norma, l’opposizione di centro-destra contestava le chiusure, ma senza fornire un modello alternativo.

 

SE APERTURA/CHIUSURA costituiscono i due fronti partisan, lo spirito repubblicano deve essere rintracciato sostituendo a questa dicotomia un po’ manichea un approccio fondato sulle regole. Non ti dico che devi stare chiuso ma che, se vuoi aprire, devi rispettare regole severe, anzi severissime, poste a garanzia della salute dei lavoratori, dei fornitori, dei clienti. Starà a te decidere se sei in condizione, se ti conviene, rispettare quelle regole, o invece fare la scelta di chiudere. Ciascuno sa che sia il modello aperture/chiusure sia quello basato sulle regole non possono che essere ibridi; anche il secondo potrà prevedere obblighi limitati di chiusura. Ma l’approccio tra i due modelli è rovesciato: nel primo caso tutto è proibito salvo quel che viene permesso; nel secondo caso tutto è permesso nel rispetto di regole, salvo che per quella specifica attività nessuna regola sia capace di assicurare la sicurezza della salute pubblica e quindi sia necessario proibirla. Intervento dello Stato nella proprietà delle imprese e gestione della pandemia sono solo due esempi, seppure molto rilevanti, dello spazio possibile per una efficace politica no-partisan. Carlo Azeglio Ciampi avrebbe detto che la possibilità di sfuggire alla profezia sartoriana – scarsa incisività di governi con ampia base parlamentare – sta in noi. È una frase che Mario Draghi sicuramente ben conosce.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di marzo 2021. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

Microsoft Banner Articolo
Innova Finance

Dello stesso autore

I più letti