GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

La vitalità delle piccole imprese

lavoro istat crescita
Picture of Renato Loiero

Renato Loiero

Nel panorama europeo, il sistema produttivo italiano si distingue per alcune caratteristiche strutturali legate alla specializzazione e alla dimensione delle imprese e mostra, al contempo, un significativo grado di risposta alle difficoltà congiunturali e alle sfide poste dagli scenari di crisi politica, economica e ambientale. Spesso espressione di realtà economiche fortemente ancorate al territorio, le micro, piccole e medie imprese italiane costituiscono oltre il 99% dell’assetto produttivo interno, contribuiscono in modo rilevante all’occupazione e svolgono un ruolo cruciale nella crescita e nello sviluppo sostenibile del Paese.

Secondo la più recente indagine Istat, condotta su un campione di 280mila aziende con almeno tre dipendenti, le imprese italiane sono responsabili, infatti, dell’85,1% del valore aggiunto nazionale e impiegano una forza lavoro pari a 13,1 milioni di persone.

Nel quadro del mercato interno degli Stati membri dell’Unione, l’accento è attualmente posto sul versante della transizione digitale ed ecologica, tema nodale della competitività e innovazione in ogni campo dell’economia. In un tessuto produttivo come quello italiano, caratterizzato da una dimensione contenuta delle imprese, accogliere queste sfide può voler dire dare avvio a una vera e propria rivoluzione, a partire dal miglioramento del grado di organizzazione interna.

I dati elaborati da Sace, relativi al 2022, mostrano tuttavia una propensione delle piccole e medie imprese ad accelerare sull’impegno alla transizione green, in particolare rivolgendo attenzione ad aspetti strettamente connessi alla sostenibilità e tutela ambientale.

Rispetto alla media europea, non teme alcun confronto invece il dato relativo alle esportazioni: dalle piccole e medie imprese arriva una spinta da 219 mld (+46%). Hanno migliorato, in particolare, la propria competitività internazionale e dimostrano una straordinaria propensione all’export le piccole imprese del settore manifatturiero (57%) e la quasi totalità di quelle medie (90%), che realizzano all’estero oltre un terzo del proprio fatturato.

In un contesto caratterizzato da incertezza e da forti pressioni competitive esterne, l’attenzione degli attori istituzionali nei confronti delle micro, piccole e medie imprese è orientata alla preservazione di uno straordinario complesso di tradizione, conoscenze e qualità che costituiscono il nucleo della reputazione di eccellenza associata al Made in Italy. In questa direzione, la capacità di proiezione strategica delle politiche pubbliche si rivela essenziale per contribuire a plasmare un futuro economico più sostenibile e competitivo.

 

Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane
Gileadpro
Leadership Forum
Poste Italiane

Ultim'ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.