GILEAD
Cerca
Close this search box.

ETA’

35

PROFESSIONE

Public affairs & sustainability manager

AZIENDA

Novartis Italia

Classe 1987, “orgogliosamente nata e cresciuta in provincia”, a 18 anni lascia Aprilia per studiare Scienze politiche e interpretariato di conferenza in giro per l’Italia. Nel 2010, a 23 anni, arriva a Bruxelles, nel cuore delle istituzioni europee, dove resta per oltre 4 anni in qualità di Policy Advisor per un deputato italiano al Parlamento Ue. Qui, in un ruolo che la porta a favorire il confronto tra Parlamento, Commissione, cittadini e aziende, apprende l’importanza del dialogo tra decisori politici, società civile e player privati. “Tenevo i rapporti con associazioni, aziende, imprenditori che provenivano dalla circoscrizione di elezione del mio deputato e dall’altro con i funzionari della Commissione europea – ci racconta – Avevo un po’ l’onore e l’onere di essere il crocevia di queste esigenze: da un lato quelle di coloro che volevano accedere ai fondi europei e dall’altro coloro che scrivevano i programmi”. Insomma, “ho iniziato giovanissima dall’altro lato della scrivania, ricevendo domande, istanze”. Nel 2016 Nardin torna in Italia e scopre di aver acquisito una buona esperienza nell’attività di rappresentanza di interessi. “Ho capito che mi piaceva essere dall’altra parte della scrivania, tra coloro che vogliono raccontare a istituzioni e decisori i punti di vista delle aziende e dei player. Così ho scelto di lavorare in settori altamente regolati, dove la sfida del dialogo è più viva”. In Novartis dal 2019, Nardin si occupa di relazioni istituzionali a livello nazionale e sostenibilità. “Un settore, quello farmaceutico, che si è trovato con la pandemia al centro di tutto. L’obiettivo di un buon Public Affairs è portare nelle organizzazioni complesse la complessità del mondo che cambia”. Ai giovani interessati a una carriera nel settore, Nardin suggerisce “di formarsi con metodo: questo lavoro non si fa improvvisandosi. Fare Public Affairs non significa andare a cena o agli aperitivi e stringere le mani. Non è solo questo. Contano molto le esperienze, la vita nelle istituzioni e nella politica, ma per fare bene questo mestiere occorre soprattutto un metodo molto preciso e rigoroso”.
Nardin Jessica
Nardin Jessica