27 Febbraio 2019

All’Expo 2020 di Dubai la prima città del futuro, grazie al 5G

Alessandro Pulcini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Con il prossimo avvento del 5G si parla spesso delle città del futuro, e di come le connessioni iperveloci le renderanno ‘smart’. A Dubai, l’anno prossimo, sarà possibile toccarle con mano. All’Expo 2020 ci saranno automobili senza pilota e robot su ruote che consegnano a domicilio i pasti, indicazioni stradali in realtà aumentata e visori per la realtà mista con cui interagire negli ambienti virtuali. A mostrarlo è la multinazionale Accenture, che al Mobile World Congress in corso a Barcellona presenta una serie di progetti futuristici, dalla stazione intelligente per il trucco alla coltivazione di piante nello spazio.

L’Expo di Dubai sarà grande quattro volte quello di Milano, si estenderà su una superficie di 4 per 1,4 km e dovrà ospitare una media di 2-300mila persone al giorno, con 25 milioni di visitatori attesi nei sei mesi dell’esposizione, spiegano gli esperti di Accenture. L’area è stata costruita come una smart city e sfrutta tutte le possibilità del 5G. Dalle indicazioni stradali che compaiono in tempo reale sullo spazio circostante ripreso dalla fotocamera dello smartphone, ai visori con cui costruire e arredare un padiglione dell’Expo, trasformandosi in architetti virtuali.

A Dubai si vedranno circolare le auto autonome, un settore in cui Accenture, insieme ad Amazon Web Services, ha sviluppato Molex, una piattaforma che è alla base delle auto connesse e che vedrà la prima adozione nei robotaxi. Allo stand è in mostra anche la postazione intelligente per il make-up, pensata per profumerie e grandi magazzini: consiglia prodotti e abbinamenti in base all’incarnato, offre informazioni su ciprie o rossetti, con relativi prezzi, e consente di pagare appoggiando lo smartphone sul tavolo. Un’area è infine dedicata allo spazio: Accenture supporta il progetto Astroplants dell’Agenzia spaziale europea, che raccoglie dati e idee sull’agricoltura extraterrestre.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.