fbpx

Accordo Terna-Matera, via i tralicci dalla città dei sassi

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un accordo che libererà i paesaggi della ‘città dei sassi’ da 40 tralicci. Questo l’impegno che Terna ha preso con il Comune di Matera, nel protocollo d’intesa firmato dall’ad Luigi Ferraris e dal sindaco della neo-nominata capitale europea della cultura, Raffaello De Ruggieri. Il fine ultimo è la razionalizzazione della rete elettrica del Comune che porterà grandi benefici ambientali ed elettrici alla città della Basilicata.

L’eliminazione dei 40 tralicci dal centro abitato e dal territorio di Matera permetterà di restituire circa 37 ettari alla città. L’opera di razionalizzazione porterà anche importanti benefici al sistema elettrico locale, rendendolo più sicuro, efficiente e in grado di far fronte alla crescente produzione di energie rinnovabili e all’ampio sviluppo civile e industriale dell’area. Un intervento che “ha una rilevante importanza paesaggistica per la città – sottolinea De Ruggieri – L’interramento dei cavi di alta tensione, che segnano la collina del Castello, oltre a garantire condizioni di sicurezza maggiore per i cittadini, ci consente di ricomporre la dignità di particolari luoghi storici pur garantendo l’erogazione di servizi essenziali per la vita della comunità”.

Il protocollo siglato oggi integra e migliora il precedente, firmato nel 2008, che ha già portato importanti benefici alla città grazie all’interramento di oltre 5 km della linea che attraversava il centro abitato. I nuovi interventi previsti dall’attuale protocollo permetteranno di interrare anche la linea elettrica che parte dalla cabina primaria di Matera e che percorre circa 6,5 km fino a Matera Nord. Relativamente al già previsto spostamento della linea elettrica Matera – Grottole – Salandra al difuori del centro abitato, il protocollo siglato oggi prevede alcune significative varianti migliorative al progetto.

“La valorizzazione dei territori è al centro dell’impegno di Terna – dichiara Luigi Ferraris, Amministratore delegato di Terna – e la firma di questo protocollo proprio nell’anno in cui la città è celebrata come capitale europea della cultura ci rende particolarmente orgogliosi. Demoliremo tutti i tralicci che attualmente sono presenti in diversi quartieri di Matera: da Via Annibale di Francia e Via Timmari alla Strada Statale 7, fino alla zona industriale. Gli interventi che ci impegniamo a realizzare, in stretta collaborazione con il Comune, sono il frutto di un approccio di dialogo con il territorio che rappresenta oggi, insieme alla sostenibilità delle opere e all’attenzione per l’ambiente, per il patrimonio artistico e per i territori, un valore imprescindibile nella strategia di Terna”.

Terna, confermando il suo approccio al dialogo con le comunità locali e in sinergia con l’Amministrazione Comunale, sarà a disposizione dei cittadini di Matera con i suoi tecnici nella giornata di venerdì 21 giugno, dalle ore 12 alle 19 per presentare gli interventi previsti dal protocollo e per rispondere alle domande della comunità locale.