Advertisement

9 Luglio 2020

Autostrade, governo decida guardando avanti

Morena Pivetti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Settemila dipendenti diretti, migliaia di piccoli azionisti che le hanno affidato i loro investimenti, uno dei pochissimi campioni nazionali che l’Italia possa vantare, capace di farsi valere all’estero, depositaria di “un enorme patrimonio professionale e umano”, per usare le parole dell’attuale amministratore delegato Roberto Tomasi: Autostrade per l’Italia è tutto questo. Ed è esattamente questo patrimonio che il governo, nel decidere – finalmente, dopo due anni di chiacchiere inconcludenti, proclami e minacce – cosa fare, come chiudere il contenzioso che si è aperto con la società per la rovinosa caduta del Ponte Morandi a Genova, dovrebbe tutelare.

 

Distruggere questo valore sarebbe un peccato capitale, una perdita secca per il Paese, altri punti di Pil, oltre al meno 11% già previsto, lasciati per strada in un momento in cui davvero non ce lo si può permettere. Continuare a giocare con la clava pronta a colpire della “revoca” – complici gli articoli del Milleproroghe che hanno cambiato unilateralmente i termini della concessione su indennizzi e tariffe – per ora non ha sortito altro effetto che declassare il titolo di Atlantia, che controlla Aspi, a spazzatura e gettare le sorti borsistiche e finanziarie della società tra le braccia della speculazione, degli squali che puntano a sbranare la preda allontanando gli investitori di fondi infrastrutturali di lungo periodo. E a scatenare le risate e il commento “la solita Italia” nelle banche d’affari straniere.

 

Non siamo in una tragedia greca, non può essere la vendetta il motore che muove un governo e forze politiche “adulte” verso la conclusione di una vicenda drammatica che si sta trascinando perfino oltre il tempo necessario alla ricostruzione del ponte crollato. Qui non è tanto in gioco il destino della famiglia Benetton – che sarà giudicata nelle sedi competenti – ma il destino di un’azienda, che è assai più della famiglia Benetton. Sono in gioco migliaia di posti di lavoro, anche nell’indotto, 7 miliardi di investimenti pronti a trasformarsi subito in cantieri, la Gronda di Genova e il Passante di Bologna, più gli altri 7,5 miliardi previsti per i prossimi anni. E i due miliardi già impegnati per le manutenzioni.

 

Quali sarebbero i benefici per l’Italia di far fallire Aspi revocando la concessione? A chi verrebbero affidati i tremila chilometri di autostrade che gestisce attualmente? Ad Anas, la cui efficienza, persino per gli osservatori più clementi, lascia parecchio a desiderare? Per quanto tempo? O si pensa a una ri-nazionalizzazione strisciante attraverso Cassa depositi e prestiti, dopo aver lasciato per anni i profitti al privato? Quando si indirà la gara per un nuovo concessionario, sapendo che le altre società italiane sono troppo piccole per mangiarsi un boccone tanto grosso e che solo società straniere avrebbero la dimensione giusta?

 

È a queste domande che il governo dovrebbe saper rispondere prima di fare l’ultima mossa. Senza rinunciare a pretendere dalla società tutto il dovuto, a farle pagare a carissimo prezzo le inadempienze, l’incuria, le omissioni e gli errori che hanno portato alla morte di 43 persone. Ma guardando al futuro, non al passato.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.