Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement

8 Gennaio 2021

La Caritas Ambrosiana e i nuovi poveri della pandemia

Chiara Baldi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I nuovi poveri continuano a crescere. Alla Caritas Ambrosiana lo spaccato di un’Italia che il Covid ha reso ancora più fragile. La versione completa di questo articolo, a firma di Chiara Baldi, è disponibile sul numero di Fortune Italia di gennaio 2021.

 

A LORENA MANCAVANO TRE ANNI alla pensione, dopo una vita passata nel guardaroba di un grande teatro milanese a sistemare i cappotti degli avventori. Ma a marzo, quando è arrivato il primo lockdown che si è portato dietro la chiusura dei grandi luoghi della cultura, Lorena ha perso il lavoro. E a quel punto per lei, sola, senza famiglia, c’è stata solo la Caritas Ambrosiana. “Non era mai venuta prima, non credo che venire a cercare aiuto da noi fosse per lei mai stata un’opzione prima di questa emergenza sanitaria. È una donna di grande dignità”, racconta di lei Marta Galimberti, 34 anni, volontaria in uno dei dieci empori della Caritas Ambrosiana: l’ultimo, a Rho, alle porte di Milano, è stato inaugurato a dicembre, segno di un’emergenza sociale ancora molto viva nella regione più colpita dal Covid.

 

Anche Martina, italiana, classe 1992, quattro figli di cui due gemelli di quattro anni, nel corso della prima ondata si è rivolta alle parrocchie milanesi. E ha frequentato pure lei gli empori della diocesi. “Veniva tutti i giorni”, spiega ancora Marta, che nella vita fa l’educatrice nelle case popolari di Baggio, quartiere alla periferia sud ovest. “La vedevo arrivare con questo ‘bus’ di bambini al seguito, due passeggini, un monopattino, la bimba più grande in bici… Veniva tutti i giorni anche per non stare sola chiusa in casa, il compagno vive da un’altra parte e lei deve sbrigarsi tutto da sola. Ma sfamare quattro figli che stanno tutto il giorno in casa e ingurgitano tutto ciò che trovano è difficile se hai perso il reddito”.

 

Di storie come quella di Lorena e Martina alla Caritas Ambrosiana ne hanno a centinaia. Nell’anno della pandemia – e in particolare durante la primavera – hanno registrato solo a Milano e hinterland oltre 9mila impoveriti a causa del virus.

 

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di gennaio 2021. Ci si può abbonare al magazine mensile di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.