WBF

È tutto un gioco: come sdoganare gli Nft

nft
Aboca banner articolo

Con ‘NBA Top Shot’ e ‘CryptoKitties’, il cofounder e Ceo di Dapper Labs Roham Gharegozlou ha sdoganato i non-fungible tokens e li ha resi divertenti. La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di ottobre 2021.

I GIGANTI DEL TECH dei primi anni 2000, padroni del ‘digiverse’ hanno immaginato un mondo online che simulava la realtà fisica. Operando secondo la ‘Westphalian sovereignty’, ovvero ciascuno secondo le regole del proprio Stato, i tecnocrati hanno condotto i consumatori verso confini distinti e isolati difendendo la separazione del mercato come si difende il proprio territorio. Questo approccio chiuso ha permeato le nostre vite digitali, ma la consuetudine può generare disprezzo e il disprezzo può generare opposizione. Ecco allora che arriva Roham Gharegozlou, il 35enne cofounder dei giochi di carte collezionabili digitali NBA Top Shot e CryptoKitties, famoso anti-Zuckerberg.

Gharegozlou è più un tipo dai confini aperti. Ritiene che una rapida proliferazione di piattaforme blockchain, criptovalute e non-fungible tokens (Nft) porrà fine ai monopoli di dati che alimentano il successo di Facebook, Amazon, Alphabet e Apple. Ironicamente, il suo proclamato antidoto ai ‘quattro cavalieri’ del mondo tecnologico gli ha fatto guadagnare un seguito tra i membri della stessa classe di investitori della Silicon Valley che ha finanziato la nostra attuale situazione.

Dapper Labs, la società che ha cofondato nel 2018, ha raccolto fondi per una valutazione di 7,6 mld di dollari con investitori come Andreessen Horowitz, Union Square Ventures, Venrock, Samsung e persino Google Ventures. “Adoro trovare fondatori che siano davvero appassionati di questa visione molto più ampia”, afferma il fondatore di Zynga Mark Pincus, uno dei primi investitori. “Vogliono vederlo accadere tanto o più di quanto vogliano avere il loro profitto”. Gharegozlou afferma di aver sofferto a lungo la tensione sui confini digitali e il modo in cui hanno ostacolato l’innovazione. Le criptovalute e la blockchain alleviano questa tensione.

Ha anche subito le conseguenze di barriere più fisiche. Gharegozlou è nato a Dubai, ha frequentato il liceo a Parigi, poi il college a Stanford, seguito da un periodo al Rising Tide Fund nella Silicon Valley. Si è trasferito a Vancouver nel 2012 per avviare il suo acceleratore, Axiom Zen. Sono quattro Paesi in meno di quattro decenni. Quei confini e i problemi che hanno causato hanno formato la sua filosofia.

Nel 2000, da matricola al liceo, Gharegozlou ha iniziato a creare guide cittadine online punteggiate di link pubblicitari che gli procuravano denaro extra. Ma poiché non risiedeva negli Stati Uniti, scoprì che i soldi che aveva guadagnato erano spesso inaccessibili. Quando il suo cofondatore Dieter Shirley, ora Cto di Dapper Labs, ha introdotto Gharegozlou al Bitcoin nel 2013, ha visto una soluzione istantanea a quel problema.

La coppia ha lavorato insieme per creare app sulla moneta e quando Ethereum, una blockchain open source decentralizzata, è stata introdotta nel 2015, hanno immaginato un’economia digitale completamente nuova. Senza confini nazionali. Hanno capito che sarebbe stata una missione difficile. “La gente non sa nemmeno che esiste un’alternativa”, dice Gharegozlou. L’attuale gruppo di sviluppatori ha scoperto che c’era un solo modo per scrivere un’app e che pagare una “tassa” ad Apple o Google era inevitabile. I consumatori acquistano articoli, come brani su iTunes, che non possiedono completamente. Neanche loro sanno dove stanno andando i loro dati. “Premi semplicemente le caselle di controllo, premi ‘Accetta’. Questo è il mondo in cui viviamo”, afferma Gharegozlou. “Nessuno ha fornito un’alternativa: è quello che stiamo cercando di fare”.

È qui che entra in gioco il non-fungible token, che Gharegozlou descrive come una “risorsa nativa di Internet che può spostarsi da un luogo all’altro”, un micro elemento della macro società che immagina. L’Nft prova il possesso di un oggetto unico, un’opera d’arte, un highlight sportivo, persino un tweet. La proliferazione di questi token, dice, e delle piattaforme su cui vivono, ci farà uscire dal nostro attuale paradigma web consentendo a programmatori e artisti indipendenti di lavorare ed essere pagati senza restrizioni aziendali. Dapper Labs ha messo alla prova questi concetti attraverso un progetto apparentemente leggero. Nel settembre 2017, Shirley ha redatto un documento chiamwato “Non-fungible token standard”, il primo protocollo per le risorse standardizzate su Ethereum.

Un mese dopo Shirley e Gharegozlou hanno lanciato CryptoKitties, un gioco basato su blockchain che consente ai giocatori di adottare, allevare e scambiare gatti virtuali. Ogni gatto viene fornito con un numero univoco e un genoma distinto a 256 bit che produce tratti diversi. Era stravagante, infantile: un successo. “Abbiamo eseguito un alpha test al primo evento Ethereum”, spiega Gharegozlou. “Abbiamo messo le immagini dei gatti sulle carte Pokémon per far capire che si tratta di gatti digitali, ma sono oggetti da collezione”.

Il concetto è stato così ben accolto che al suo ritorno, Gharegozlou ha triplicato le dimensioni della sua squadra. Anche il valore di rivendita di alcuni CryptoKitties ha raggiunto cifre a 5 zeri. Gharegozlou è andato all in. Suo fratello ha preso il timone di Axiom Zen, e Roham ha trasformato il suo progetto in Dapper Labs con un round da 15 mln di dollari guidato da Andreessen Horowitz. CryptoKitties è diventato presto l’indirizzo più trafficato sulla piattaforma Ethereum, spesso congestionando la rete. È stata una scelta intenzionale usare gatti carini per oscurare il lavoro serio e l’innovazione tecnologica, dice Gharegozlou. Non fa mai male nascondere le verdure nel sugo della pasta. “Volevamo realizzare un progetto che fosse fattibile, utilizzando la tecnologia dell’epoca, per consentire alle persone di giocare con tutte queste idee di cui la gente parlava”, spiega.

Pincus, la cui azienda è dietro giochi come FarmVille e Words With Friends, ha ispirato Gharegozlou a creare la filosofia della sua azienda. Le persone diventeranno più interessate alle nuove tecnologie se mostri loro qualcosa di divertente che non possono fare con quelle vecchie. I videogiochi hanno portato all’adozione dei Pc nelle case della gente e per un lungo periodo di tempo la maggior parte delle iscrizioni su Facebook è arrivata attraverso giochi sociali come FarmVille. Nell’ottobre 2020, Dapper Labs ha testato ancora una volta la sua tesi con NBA Top Shot, un programma basato su blockchain che consente agli appassionati di basket di acquistare, vendere e scambiare versioni numerate dei momenti salienti del gioco con licenza ufficiale.

Perché guardare solo una raccolta di tiri da tre punti di Stephen Curry quando puoi possederla anche tu? Forgiare la partnership con l’NBA è stato un processo lungo ma sorprendentemente semplice. Gharegozlou si era già messo in contatto con giocatori che volevano investire nella sua visione (tra gli investitori ci sono Spencer Dinwiddie, Michael Jordan, Kevin Durant, Klay Thompson, Thad Young, Khris Middleton, e Udonis Haslem), e quindi ottenere il permesso dalla National basketball players association non è stato difficile. I proprietari di franchigie NBA, che includono Mark Cuban e l’ex Ceo di Microsoft Steve Ballmer, sono stati conquistati dopo un anno intero di lancio e negoziazione. Per ogni Top Shot che viene negoziato, c’è una commissione del venditore del 5% e tali entrate vengono distribuite tra Top Shot, NBA e Nbpa. Gharegozlou prevede circa 150 mln di dollari di entrate quest’anno. Come CryptoKitties, NBA Top Shot è esploso. Invece di mandare in crash nuovamente Ethereum, Gharegozlou e Shirley hanno deciso che avrebbero dovuto creare la propria piattaforma, una blockchain progettata specificamente per la crescita dei marketplace Nft e dei giochi basati su criptovalute.

La loro soluzione è stata Flow, progettata da zero per essere in grado di gestire 1 milione di utenti di NBA Top Shot e quasi 600 mln di dollari di capitalizzazione di mercato. Laddove Bitcoin ed Ethereum mostrano che le criptovalute possono rendere la finanza più aperta e trasparente, afferma Gharegozlou, Flow fa lo stesso per l’intrattenimento e la cultura. Warner Music Group, UFC e persino Dr. Seuss Enterprises hanno già stretto una partnership con Flow per le proprie iniziative basate su Nft e verranno annunciate ulteriori partnership riguardanti la proprietà intellettuale.

“Stiamo a malapena grattando la superficie anche del nostro mercato attuale”, osserva Gharegozlou. Flow coin, il token esclusivo per tutte le transazioni sulla rete, è quasi triplicato di valore dal suo debutto quest’anno. Ma Shirley afferma che Flow non è stato creato per generare entrate, “almeno non direttamente”. Dapper è protettiva nei confronti della sua piattaforma in questo momento, dice, ma solo perché il codice sta maturando. Alla fine l’azienda vuole rendere Flow più autonomo, aperto e meno strettamente controllato. “Il valore che proponiamo ai clienti è quello di offrire loro esperienze e asset di cui hanno completo controllo”.

I cripto-critici potrebbero liquidare Gharegozlou come un altro evangelista di un’industria che è sovraffollata e sovra-finanziata. Gli Nft usano la scarsità come principale determinante del valore, ma poiché rappresentano un oggetto e non sono l’oggetto stesso, i possessori di token devono fidarsi della parola di creatori ed emittenti che non conieranno più lo stesso token in futuro. C’è anche il furto della proprietà intellettuale. Alcuni artisti hanno visto i crediti delle loro opere stampati in Nft senza il loro permesso e non hanno ottenuto nessuno dei proventi. A differenza dell’istanza di un dipinto rubato, c’è poco spazio per un ricorso per l’artista. “Siamo nella prima fase degli Nft e la versione attuale ricorda Napster”, afferma Tarun Chitra, un sostenitore di criptovalute e cofondatore e Ceo di Gauntlet, una piattaforma di modellazione finanziaria per blockchain. Ma insiste che il cambiamento è alle porte e che quello della proprietà intellettuale è un problema alla portata della tecnologia.

È anche una sfida che sembra banale comparata ai grandi piani di Gharegozlou. Immaginate un futuro prossimo in cui le persone vivono nel metaverso, un mondo che unisce il digitale e il fisico. Sembra un film di fantascienza, ma “quando si tratta del concetto di vivere in un mondo di realtà mista, siamo già lì”, dice. “Inviamo messaggi ai nostri amici e usiamo Zoom per condurre riunioni”. I 350 milioni di utenti registrati di Fortnite interagiscono già in un tipo di metaverso 3D. Tentativi precedenti come Google Glass sono falliti, afferma Gharegozlou, perché non esisteva la proprietà condivisa delle risorse. “Diciamo che ho un dipinto digitale in Google Glass e tu hai un paio di occhiali Microsoft. Voglio che tu possa vedere lo stesso dipinto, e in questo momento non è possibile”, dice. Gli Nft potrebbero consentire a entrambe le società di costruire sulla stessa blockchain immediatamente, senza condividere alcuna informazione sensibile. “Una volta che il mondo sarà pronto per un’esperienza di realtà mista completa, anche le risorse saranno pronte”, afferma.

“Le possibilità sono infinite”. Ma con un grande successo arriva una grande quota di mercato. E se Flow è la piattaforma che ci conduce in questo metaverso, Roham Gharegozlou potrebbe svegliarsi una mattina per ritrovarsi trasformato in uno dei baroni della tecnologia contro cui si sta ribellando. È una paura concreta, con cui ha fatto i conti a lungo. Ma dice che i meccanismi della blockchain gli impediscono di diventare avido e puntare al dominio del mercato. Non è in grado di impedire ai siti di terze parti di guardare i dati; non può chiudere la blockchain perché non comanda i nodi della rete; e il software è open-source. “Flow è un computer che non appartiene a nessuno”, afferma Shirley. “Non esiste una singola azienda, nemmeno Dapper Labs, che possa staccare la spina. Non si tratta di aprire i confini, si tratta di creare un nuovo regno dove i confini non esistono. Dove le regole fondamentali sono integrate in modo sicuro nel sistema e il suo funzionamento è completamente verificabile e prevedibile”. Il motto del fondatore di Google era “Non essere malvagio”, ma con una blockchain open source, dice Gharegozlou, non puoi neanche scegliere di esserlo.

La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di ottobre 2021. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
RISK 2
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
RISK 2
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.