WBF

L’auto elettrica sta cambiando Detroit

detroit auto elettrica ford general motors
Aboca banner articolo

Ford e General Motors hanno puntato tutto sulle auto elettriche, ma solo recentemente il loro restyling sta creando cambiamenti enormi per i residenti della Motor City.

A Dearborn, appena fuori Detroit, il passato e il futuro dell’industria automobilistica si fronteggiano ai due lati di una strada.

La posizione è Rouge River, il secolare complesso industriale dove Ford Motor Co. ha realizzato la sua Model A. Una delle fabbriche più affollate del campus di 250 ettari sforna il pick-up F-150 alimentato a benzina, il veicolo più venduto in America negli ultimi quattro decenni e il modello più redditizio di Ford. Ma proprio dall’altra parte della strada si trova un edificio la cui segnaletica lo colloca in una nuova era: il Rouge Electric Vehicle Center. Alla fine di aprile, quell’impianto ha prodotto il primo lotto della versione elettrica Lightning dell’F-150, un modello che potrebbe essere pronto a diventare il primo successo EV (electric vehicle) prodotto a Detroit.

La vicinanza fisica tra il passato e il futuro di Ford rappresenta non solo la scommessa da 50 mld di dollari dell’azienda sui veicoli elettrici, ma l’intero stravolgimento dell’industria automobilistica globale. Il nuovo stabilimento Rouge è una cartina di tornasole sui consumatori americani e il Lightning è il lancio più importante di Ford dalla Model T. È un modo per Ford di dimostrare che può padroneggiare la transizione verso veicoli elettrici a batteria basati su software, per costruire e vendere con successo qualcosa che è meno simile a un veicolo e più simile a un iPhone in grado di trainare 4,5 tonnellate. “Questo ci dà la possibilità di ridefinire l’azienda come abbiamo fatto negli anni ‘20 con la Model T”, ha detto il Ceo di Ford Jim Farley a Fortune. Le tre case automobilistiche di Detroit (General Motors, Ford e Stellantis, che possiede Chrysler) sono tutte nel mezzo di un grande cambiamento. Stanno investendo un totale di 120 mld di dollari per mettere milioni di veicoli elettrici sulla strada entro il 2030. E quell’investimento collettivo – ancor più dei colpi di scena passati dell’industria automobilistica – sta ridefinendo la Motor City, creando un cambiamento epocale nel modo in cui i suoi residenti pensano, lavorano e vivono. Parte di questo processo è una letterale ricostruzione, mentre i Big Three di Detroit convertono le fabbriche all’era EV. Parte del processo è aziendale, perché sviluppano e acquisiscono attività che si concentrano sul software e sulla tecnologia delle batterie EV. Ma la parte più complicata è quella delle risorse umane, perché la transizione elettrica deve essere adeguata a un’industria automobilistica che impiega 290mila persone nel Michigan. Ciò che la maggior parte delle persone a Detroit riconosce, ma a pochi piace discutere, è che anche una transizione di successo significa meno posti di lavoro tradizionali nell’industria automobilistica. Le forze che guidano il cambiamento sono diverse: i pacchi batteria hanno meno parti rispetto ai motori a combustione interna, quindi i veicoli elettrici richiedono circa il 30% in meno di ore di lavoro sulla catena di montaggio. Come dice Farley, “I lavori della manifattura passeranno dal fare ‘cose oleose’ a cose digitali”.  Allo stesso tempo, i propulsori dei veicoli elettrici richiedono ingegneri elettrici, sviluppatori di software e altri tecnici. E i sistemi software sempre più complessi su cui si basano i veicoli elettrici avranno bisogno dei loro programmatori, ricercatori e progettisti. Il baricentro del settore, in breve, si sta spostando dalla catena di montaggio al computer. Nel suo scenario migliore, il governo statale del Michigan prevede la creazione di 300mila nuovi posti di lavoro in tutto l’ecosistema dell’elettrificazione, dalla produzione e riciclaggio delle batterie alle reti di servizio e ricarica. Ma alcuni lavori esistenti sono destinati a scomparire. Nei prossimi anni, gli Stati Uniti inizieranno a perdere quasi un terzo dei loro posti di lavoro nelle fabbriche automobilistiche, secondo Don Grimes, economista del lavoro presso l’Università del Michigan. E i funzionari statali hanno stimato che il cambiamento complessivo potrebbe interessare il 60% della forza lavoro automobilistica del Michigan, mettendo 170mila lavoratori in una posizione in cui dovranno apprendere nuove competenze o trovare lavoro in un altro settore. Più di ogni altra azienda americana, Ford e Gm – che impiegano rispettivamente 50mila e 52mila persone nel Michigan – prenderanno le decisioni che rimodelleranno quella forza lavoro. E man mano che diventeranno più digitali, dovranno affrontare un dilemma diverso: competeranno per i talenti non solo tra loro e con altre case automobilistiche, ma con il pioniere dei veicoli elettrici Tesla e con innumerevoli altre aziende tecnologiche, che come loro hanno bisogno di programmatori e ingegneri.

Mary Barra, per esempio, è ottimista sulla battaglia dei talenti. “Quello che stiamo scoprendo quando assumiamo è che le persone vogliono lavorare per un’azienda che cambierà il mondo”, ha detto il Ceo di Gm a Fortune durante un’intervista in un ufficio del Gm Global Technical Center di Warren, Michigan. “Vogliono lavorare per un’azienda che condivide i loro valori. Quando abbiamo annunciato che avremmo reso elettrica l’intera flotta ‘light-duty’ entro il 2035, abbiamo visto le candidature aumentare”.

Quei candidati si stanno iscrivendo a una corsa accidentata. Nonostante i loro strabilianti investimenti e obiettivi di produzione, il futuro elettrico delle case automobilistiche tradizionali non è garantito. Per ora, il ritmo dei veicoli elettrici di Detroit è alimentato più dalle imposizioni governative che dalla domanda dei consumatori: i veicoli elettrici hanno rappresentato solo il 4% dei 15 milioni di nuovi veicoli venduti negli Stati Uniti nel 2021, anche se la quota è in rapida crescita. E le sfide della catena di approvvigionamento, tra cui la carenza di semiconduttori e di materie prime per le batterie, l’aumento dell’inflazione e le interruzioni derivanti dall’invasione russa dell’Ucraina e dalle chiusure per Covid di fabbriche in Cina, stanno rendendo la logistica e la convenienza dei veicoli elettrici ancora più difficoltose.

In mezzo a questa incertezza, l’unica verità è che la città che ha messo l’America su 4 ruote ha bisogno di prepararsi alla transizione più importante della sua storia.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.