Cerca
Close this search box.

Confcommercio, negli ultimi 11 anni spariti 111mila negozi e 24mila attività di ambulanti

Un’analisi condotta dall’Ufficio Studi di Confcommercio, in collaborazione con il centro studi Guglielmo Tagliacarne, ha rivelato dati allarmanti sulla situazione del commercio in Italia nel periodo tra il 2012 e il 2023. Secondo il rapporto, oltre un negozio su cinque è sparito nel corso di questo periodo, con un totale di 111.000 punti vendita al dettaglio e 24.000 attività di commercio ambulante perdute.

La riduzione delle attività commerciali è stata particolarmente accentuata nei centri storici delle città, dove si registra una vera e propria “desertificazione commerciale”. Cambia il tessuto commerciale, con una diminuzione delle attività tradizionali come distributori di carburanti, negozi di libri e giocattoli, di mobili e ferramenta, e un aumento delle attività legate ai servizi e alla tecnologia.

In particolare, si registra un incremento delle farmacie, dei negozi di computer e telefonia, delle attività di alloggio e ristorazione. Tuttavia, nonostante questa crescita numerica, non si riscontra un’analoga crescita qualitativa dell’offerta, con un proliferare di bed and breakfast e bar-ristoranti.

Un altro dato rilevante è l’aumento delle imprese straniere nel settore commerciale, alberghiero e dei pubblici esercizi, mentre si registra una diminuzione delle imprese con titolare italiano. Questo fenomeno è accompagnato da un significativo aumento dell’occupazione straniera in questi settori.

Nonostante la riduzione del numero di attività commerciali, il commercio è ancora definito “vitale e reattivo” secondo il direttore dell’Ufficio Studi di Confcommercio, Mariano Bella. Tuttavia, si sottolinea l’importanza di puntare sull’efficienza e la produttività, attraverso l’innovazione e la ridefinizione dell’offerta commerciale.

Per contrastare la desertificazione commerciale, è necessario investire in progetti di riqualificazione urbana che mantengano servizi, vivibilità, sicurezza e attrattività delle città. In questo contesto, progetti come “Cities” di Confcommercio e la collaborazione con l’Anci sono cruciali per favorire uno sviluppo urbano sostenibile e valorizzare il ruolo delle attività commerciali di prossimità nelle città italiane.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.