GILEAD
Leadership Heade
Poste Italiane
Cerca
Close this search box.

Le tre grandi lezioni di Federer agli studenti

federer

Molto prima che Challengers facesse del tennis una metafora, Roger Federer ha usato il suo sport come mezzo per imparare le lezioni della vita. E poi ha impartito qualcuna di queste lezioni al Dartmouth College in un discorso di laurea diventato ben presto virale. “Cari laureati, sento il vostro dolore. So cosa si prova quando le persone continuano a chiedervi qual è il piano per il resto della vostra vita”, ha scherzato. 

Federer è stato un’icona del tennis degli anni 2000, con un record (poi superato) di 237 settimane consecutive come numero 1 della classifica ATP. Ha imparato molto non solo dalle vittorie, ma anche dalle sconfitte, e ha riassunto la sua pluridecennale carriera in tre insegnamenti principali.

Il mito del successo senza sforzo

Federer ha raccontato di essere stato infastidito dalle tante persone che dicevano che giocava senza sforzo, insistendo sul fatto che nessun successo arriva se non si lavora duro. “La verità è che ho dovuto lavorare molto duramente per farlo sembrare facile”, ha detto. “Ho passato anni a lamentarmi, a imprecare, a lanciare le racchette prima di imparare a mantenere la calma”. 

Federer ha fatto notare che, anche se i genitori e gli allenatori lo hanno rimproverato, il suo atteggiamento è cambiato soltanto quando uno dei suoi avversari ha riconosciuto pubblicamente il suo comportamento. “Roger sarà il favorito per le prime due ore, poi lo sarò io”, ha detto il suo avversario. Fare bene quando ci si sente freschi è semplice; è più tardi, quando la determinazione si affievolisce e il corpo si stanca, che le prestazioni contano davvero.

“Mi ha fatto capire che avevo ancora molto lavoro davanti a me”, ha detto. Poi, rivolgendosi alla classe dei laureandi, Federer ha chiesto quanto spesso abbiano visto i loro coetanei ottenere buoni voti senza sforzarsi più di tanto. “Spero che, come me, anche voi comprendiate che il successo senza sforzo è un mito. Non sono arrivato dove sono arrivato solo grazie al talento. Ci sono arrivato cercando di superare i miei avversari”, ha continuato. Federer riconosce che “il talento conta”, ma che non è una cosa innata. Nella vita e nel tennis, “non si tratta di avere un dono, ma di avere grinta”.

È solo un punto

Non importa quanto sudore e lacrime si mettano in una partita, si può sempre uscire senza trofeo, riconosce il campione.  

La sua più grande sconfitta è stata il torneo di Wimbledon del 2008, dove si stava giocando la possibilità di raggiungere un traguardo storico: sei titoli consecutivi. A un certo punto, Federer ricorda di aver pensato che il suo avversario – Rafael Nadal, che ha vinto 22 titoli del Grande Slam – fosse più affamato di lui. A quel punto la partita è finita. Nonostante un’iniezione di fiducia all’ultimo minuto, “arrivata troppo tardi”, ha perso. Federer ricorda come alcune persone abbiano ipotizzato che fosse la fine della sua carriera.

“Nel tennis la perfezione è impossibile”, ha detto Federer. Pur essendo stato il migliore per un certo periodo di tempo, ha sbagliato spesso. Federer ha notato di aver vinto l’80% dei suoi 1.526 incontri, ma solo il 54% di tutti i punti.

In media, mancando un punto su due, Federer ha “imparato a non soffermarsi su ogni colpo”, comprese le vittorie e le sconfitte più importanti. È ovvio che in ogni punto bisogna dare tutto quello che si ha, ma una volta passato è inutile indugiare. E lasciare che il passato rimanga nel passato permette di mettere l’energia in ogni punto, ha aggiunto.

“La verità è che, qualunque sia la partita che si gioca nella vita, a volte, per un punto, si perde una partita, una stagione, un lavoro”, ha detto. “È naturale, quando si è giù, dubitare di se stessi e dispiacersi. Ma l’energia negativa è energia sprecata”. È in questi momenti difficili che nasce un vero vincitore: “I migliori al mondo non sono tali perché vincono ogni punto, ma perché sanno che perderanno ancora e ancora”.

La vita oltre il campo da gioco

Dopotutto, un campo da gioco è piccolo, solo un po’ più grande della stanza di un dormitorio, ha spiegato Federer. Anche se è lì che ha costruito la sua vita, sapeva che c’era altro oltre al mondo del tennis. Federer ha detto di aver avuto “una vita gratificante, piena di viaggi, cultura, amicizie e soprattutto famiglia”. Mentre viaggiava per il mondo, si è dedicato alla filantropia e ha creato una fondazione per rendere più accessibile l’educazione della prima infanzia. 

Anche se all’epoca aveva solo 22 anni e sentiva di essere troppo giovane per dedicarsi a qualcosa che andasse oltre il tennis, ha colto l’occasione, lanciando la Roger Federer Foundation e ha trovato i suoi viaggi immensamente gratificanti. Osservando che la filantropia non consiste solo nel donare denaro, ma anche idee e tempo, Federer ha esortato i laureati a guardare anche al di fuori delle loro bolle. “Tutti voi avete molto da dare e spero che troverete i vostri modi unici per fare la differenza, perché la vita è davvero molto più grande del campo”, ha aggiunto. 

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

Leadership Forum
Poste Italiane

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.