fbpx

Fercam con Prelios si aggiudica Artoni

Fercam, l’operatore logistico altoatesino, ha concluso l’acquisizione di Artoni, aggiudicandosi insieme al partner immobiliare Prelios la gara indetta dal commissario per la vendita della società, nel frattempo andata in amministrazione straordinaria. Già dal 1° aprile 2017 Fercam era subentrata in 14 filiali dell’azienda di Reggio Emilia. “Sebbene per noi significhi uno sforzo finanziario ulteriore, ci siamo resi disponibili a presentare l’offerta ottimale per l’intero gruppo, avvalendoci di un partner immobiliare che si occuperà degli immobili non idonei per la nostra attività”, commenta il presidente Thomas Baumgartner.

L’operazione coinvolge 140 dipendenti dei 191 totali rimasti alle dipendenze di Artoni e 26 immobili di proprietà situati su tutto il territorio nazionale e oltre 1.500 unità di carico, principalmente casse mobili. L’accordo prevede che Fercam si faccia carico dei dipendenti che non rientrano nell’acquisto e che i dipendenti siano inseriti in filiali Fercam, a non più di 125 km dall’attuale sede di lavoro. Non saranno riattivati altri siti Artoni oltre a quelli già affittati con il precedente affitto di ramo di azienda e le attività dei rimanenti siti Artoni saranno gestite da filiali Fercam. Per i lavoratori Artoni è stato prorogato il ricorso alla cassa integrazione straordinaria fino al 19 aprile 2019, per coprire tutte le fasi necessarie ad ultimare tecnicamente la cessione.

“Abbiamo già chiesto ai sindacati un incontro per concordare le modalità di inserimento delle persone in Fercam e garantiremo tutti i diritti acquisiti. Resta importante la flessibilità geografica concordata per garantire l’efficienza necessaria e assicurare la competitività e conseguente sicurezza dei posti di lavoro anche in futuro. Sono sicuro che i sindacati agiranno con la necessaria responsabilità tenendo presenti anche le esigenze aziendali in considerazione delle difficoltà e turbolenze che caratterizzano il mercato del settore dei trasporti”, aggiunge Baumgartner, che è anche presidente nazionale di Anita, l’associazione di autotrasporto aderente a Confindustria. Nel 2014, quando è iniziata la crisi del gruppo, uno dei più importanti in Italia nel settore della logistica, Artoni contava più di 600 dipendenti diretti e 2.300 nell’indotto.

Fercam, operatore logistico a gestione familiare con sede a Bolzano, concluderà il 2018 con un fatturato di oltre 800 milioni di euro e un organico di 2.100 dipendenti diretti e di oltre 3.000 collaboratori indiretti. Per le varie attività di trasporto dispone di circa 3.350 unità di carico di proprietà e di oltre 1,2 milioni di mq di magazzini di centri logistici di nuova generazione.

Il gruppo opera con 93 filiali proprie di cui 64 in Italia, 24 tramite società controllate in altri paesi UE e 6 extra UE (Tangeri/Marocco, Rades/Tunisia, Istanbul e Izmir/Turchia, Belgrado/Serbia, Tirana/Albania). A livello europeo si avvale di groupage di partner con oltre 400 punti distributivi, mentre a livello mondiale dispone di una efficiente rete di corrispondenti per le spedizioni aeree e marittime. Il costante investimento in formazione conferma l’importanza che l’azienda attribuisce allo sviluppo delle competenze e alla crescita professionale dei collaboratori. Fercam opera nei diversi settori del trasporto e della logistica con servizi specializzati per i carichi su strada e rotaia (Fercam Transport), per i trasporti aerei e marittimi (Fercam Air&Ocean), per la gestione della supply chain dei clienti compresi i servizi a valore aggiunto (Fercam Logistics) e con il marchio Gondrand per traslochi, mostre e gestione documentale con servizi altamente specialistici ad aziende e privati, fondazioni e musei.