4 Aprile 2019

La cultura del private wellness

Giorgio Nadali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Trasformare la propria casa in una Spa privata seguendo concetti e valori della cultura del benessere, attraverso oggetti di arredo per il bagno e la cucina, prodotti di rubinetteria, sistemi doccia, lavabi e ceramica. Fondata nel 1992 da Umberto Gessi in una piccola officina, dal 2006 Gessi Spa è una multinazionale del private wellness, punto di riferimento internazionale per il design e la tecnologia del rubinetto, nominata Superbrand of Italy nel 2008. Guidata dal Presidente Gianluca Gessi, l’azienda organizza anche la Gessi Academy, spazio di ascolto e confronto con ospiti internazionali sul mondo del Private wellness.

Quali sono le idee migliori che sono emerse dalla Gessi Academy nel 2018?

La filosofia della nostra azienda è riassunta nel concetto di Private Wellness, ovvero nell’impegno di creare e comunicare, prodotti, concetti e valori che creino una cultura di benessere nel vivere gli ambienti più privati dell’abitare, trasformandoli in luoghi speciali capaci di rigenerarci quotidianamente; come delle spa private. Per sviluppare e divulgare questa filosofia così distintiva, dedicata alla ricerca su design e contenuti di comunicazione che insistano sul benessere mentale, spirituale ed emotivo, la nostra azienda ha creato la propria Academy di studio e divulgazione. Essa lavora a stretto contatto con personalità uniche come antropologi e specialisti di economia sostenibile, studiosi, sportivi e artisti.

Tra le iniziative di Gessi c’è anche la Project Division.

Si tratta di un team internazionale dedicato al supporto di interior designer, architetti e specialisti del settore in genere, per lo sviluppo delle loro idee più creative. Attraverso una vasta gamma di prodotti e soluzioni personalizzate, la nostra Project Division è in grado di offrire un supporto tecnico qualificato in fase di specifica di prodotto, assicurando la massima attenzione anche alle esigenze più particolari, come alle date di consegna e ai budget. Negli ultimi anni il team ha portato l’azienda a consolidare la propria presenza nel settore dei grandi progetti, soprattutto alberghieri di lusso, collaborando con i più grandi nomi della moda e dell’architettura e partecipando a progetti sensazionali come quelli dell’edificio più alto del mondo, il Burj Khalifa. Nel 2018 abbiamo lanciato il design Rilievo, una collezione espressamente concepita per l’esigente mondo dell’hotellerie da HBA, il più noto Gruppo internazionale di architetti specializzati nell’hospitality.

Nel design contano più le emozioni o la funzionalità?

La nostra azienda si propone di realizzare aspirazioni di stile e personalizzazione del consumatore nei propri spazi più privati – sia attraverso l’estetica dei prodotti che le funzioni avanzate in essi incorporate. Ci prefiggiamo infatti di non offrire prodotti ma esperienze. L’idea ispiratrice della fondazione dell’Azienda Gessi, vera e propria scommessa e sfida a un settore maturo e statico come quello della rubinetteria, dominato da aziende di antica costituzione, è quello di rivoluzionare la visione tradizionale di ambienti funzionali della casa come la cucina, luogo di preparazione del cibo, e il bagno, luogo di igiene, per trasformarli in luoghi centrali della casa anche dal punto di vista estetico.

Quali sono state le vostre maggiori soddisfazioni in 27 anni di storia?

L’aver creato un modello di business etico di successo, dando vita a posti di lavoro positivamente integrati con il territorio, dal punto di vista non solo ambientale, ma anche umano. Quando non solo i nostri collaboratori e clienti, ma anche le istituzioni hanno riconosciuto il grande valore creato, questo ha sicuramente costituito una enorme soddisfazione e il premio per il grande sforzo e investimento compiuto, in modo trasparente, sul territorio, sull’eccellenza e su un genuino made in Italy.

Gessi Spa è passata da laboratorio nel 1992 a un parco industriale di 800mila metri quadrati. Qual è stato il percorso?

Il grande successo per la nostra azienda, inteso come riconoscibilità del marchio e significativa domanda internazionale per il prodotto, è arrivato molto presto rispetto alla sua costituzione, in coincidenza con la trasformazione, che abbiamo concepito e operato, di un prodotto tradizionale e a basso tasso di innovazione come il rubinetto, in un oggetto di design con funzioni e forme sofisticate. Il modello “Diverso” del 1996 già nel nome evoca una rottura con la tradizione e i luoghi comuni, iniziando un percorso di ricerca e innovazione che arriva a Inciso, disegnato dall’archistar newyorkese David Rockwell del 2018. Ma la forza della nostra azienda non è solo stata solo trasformare un prodotto tradizionale in un nuovo concetto. L’idea è quella di un design “etico”: di alto profilo estetico, durevole, ben progettato, che crei innovazione e utilità, rispetti l’ambiente e l’utilizzatore, con l’ambizione che l’eccellenza del prodotto arricchisca gli spazi dell’abitare, rendendo speciale l’esperienza del quotidiano e migliorando la vita delle persone.

Quali sono i numeri dell’azienda?

Il gruppo Gessi ha chiuso il 2018 con un fatturato di oltre 110 mln di euro; già dal 2015 l’azienda era tornata a crescere a livelli pre-crisi. Gessi è per dimensione di fatturato, ormai da molti anni la più grande azienda italiana anche se la più giovane per costituzione. Il fatturato è diviso tra mercato italiano (20%) e export (80): con 10 filiali commerciali create dall’azienda all’estero – dagli Stati Uniti all’Asia – copriamo il 13% delle esportazioni italiane del settore. Il contract, con progetti di primissimo piano nel mondo, ha ormai raggiunto un peso importante sul fatturato Gessi, di circa il 15%. La razionalizzazione e il consolidamento strategico del sistema di business che abbiamo intrapreso già da alcuni anni per migliorare la performance operativa complessiva, sta oggi investendo l’organizzazione intera dell’azienda, attraverso un processo significativo e inusuale per una azienda a proprietà familiare, ovvero una seria managerializzazione della struttura, con la ricerca e l’inserimento di top management di alto livello e personale altamente qualificato e soprattutto con l’adozione di approcci e pratiche di studio e analisi tipiche di una multinazionale.

Come definisce il successo di Gessi Spa?

In un mondo in cui migliaia di marchi si contendono il mercato, siamo riusciti a incarnare valori come attenzione, affidabilità e rispetto, per la persona, per l’ambiente, riflettendo integrità e umiltà. Oggi i nostri clienti ci parlano di Gessi non come di un’alternativa sul mercato, ma di una vera e propria scelta, di qualcosa che è altro, di una filosofia da abbracciare interamente. Siamo peraltro particolarmente orgogliosi del fatto che all’estero sentiamo sempre più spesso definire Gessi come la Ferrari del design per il bagno. Oggi il prodotto come valore in sé è superato, la sua qualità è data per scontata. Per differenziarsi, occorrono elementi che gli attribuiscano valore aggiunto: la marca intesa come modo di essere è quello da noi individuato. Passione, dedizione, entusiasmo, innovazione, impegno verso i nostri clienti, trasformati in partner, hanno definito nel tempo le caratteristiche del nostro marchio, che non si limita ad inspirare lealtà, a creare status e senso di appartenenza in un pubblico selezionato, perché è realmente capace di emozionare e di migliorare la vita delle persone.

Lusso, eccellenza, design. Cosa conta di più e in quale misura?

Il concetto di lusso nel quale ci riconosciamo non riguarda componenti ostentative, ma la quantità e qualità del tempo dedicato a sé stessi in spazi personali nei quali godere di momenti di indulgenza alla bellezza, al relax, alla intimità, al riequilibrio. La nostra idea di design non può essere disgiunta da una idea di eccellenza; la nostra ricerca progettuale non è solo esercizio di stile, ma è innanzitutto sviluppo di eccellenti soluzioni a problemi reali: la missione dell’azienda è rendere la quotidianità più leggera e piacevole con oggetti belli e funzionali. Crediamo che innovare significhi soddisfare sogni e anticipare bisogni: non solo inventare nuove soluzioni stilistiche o progettuali per l’interior design e per il benessere, ma anche rispettare l’ambiente, con nuove tecnologie, nuovi processi produttivi, nuovi materiali. I nostri progetti nascono dalla libertà creativa e da un tratto sempre originale, con una passione per gli oggetti che si liberano dalla funzione codificata e prescritta per reinventarsi a nuovi usi: oggetti empatici, amichevoli, godibili. Oggetti che migliorano la vita delle persone.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.