fbpx

10 Giugno 2019

Cargo aereo, Malpensa terzo per crescita in Europa

Morena Pivetti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Le posizioni sul podio sono note e stabili da molti anni: l’aeroporto di Milano Malpensa, hub del Nord industriale, occupa lo scalino più alto per la movimentazione delle merci, il cosiddetto cargo aereo: nel 2018 ha superato la soglia delle 500mila tonnellate, toccando quota 572mila. Sul secondo scalino troviamo Roma Fiumicino, l’hub della capitale, con meno della metà di movimentazioni, 205mila tonnellate. Per i passeggeri il podio si inverte: prima assoluta Roma con quasi 43 milioni di passeggeri lo scorso anno, Malpensa a seguire con 24,7 milioni di passeggeri. Chiare le rispettive vocazioni.

Ma l’Associazione nazionale agenti merci aeree (Anama), insieme con il Cluster cargo aereo, si è resa conto che le sole statistiche ufficiali non bastavano e ha maturato la necessità di avvalersi di maggiori informazioni e analisi sul mercato: è nato così l’incarico a EY di raccogliere ulteriori dati sui due principali aeroporti cargo italiani e di valutarne la competitività rispetto ai principali concorrenti europei, gli scali di Amsterdam, Bruxelles, Parigi, Madrid, Francoforte, Monaco, Lipsia, Liegi, Lussemburgo e Zurigo. E’ questa la genesi del primo rapporto dell’Osservatorio Cargo Aereo, punto di partenza per un futuro, periodico benchmarking europeo che individui le strade per crescere e le indichi agli operatori.

Dal confronto con i big europei il cargo aereo italiano, e l’hub varesino in particolare, non escono poi così male, pur in presenza di ampi margini di miglioramento e di sviluppo. Le merci aeree rappresentano il 22,6% del valore dell’export italiano extra-Ue, confermandosi settore fondamentale per l’economia dell’Italia, Paese tradizionalmente vocato all’export e che fa della qualità dei propri prodotti, il Made in Italy, la chiave del successo commerciale.

Milano Malpensa si colloca al 7° posto tra gli aeroporti analizzati, sia per merci totali che per merci in import ed export, evidenziando una crescita nell’ultimo decennio del 6,9%, la terza più alta fatta registrare dal panel, dopo Leipzig Halle (+9,8%) e Paris Charles de Gaulle (+8,4%). Ancor più significativo il 1° posto di Milano Malpensa per numero di iniziative infrastrutturali e ben avviati sono anche i progetti di collaborazione digitale per ridurre i tempi del ciclo logistico e condividere i dati.

Tuttavia il gap tra il sistema aeroportuale italiano e quello dei principali competitor è ancora grande: i due hub movimentano solo il 7% delle merci europei mentre i primi tre scali – Amsterdam, Parigi e Francoforte – toccano il 55%. Malpensa e Fiumicino risultano fanalini di coda sia per il numero di magazzini (rispettivamente 6 e 5 rispetto ai 50 di Francoforte) che per la dimensione (70mila mq e 25mq contro i 700mila di Parigi). Con 51 destinazioni Milano è ultima mentre Roma, con 90, è quartultima a fronte delle 431 di Amsterdam, le 364 di Parigi e le 300 di Francoforte. Roma si posiziona in coda anche per tonnellate movimentate. Sul fronte dell’operatività e dei servizi Malpensa e Fiumicino hanno livelli di saturazione rispettivamente del 60% e del 66%, quindi la capacità potenziale è ancora elevata. Se la copertura garantita per le merci speciali è sopra la media, il servizio di dogana h23/7 è offerto solo per sdoganamenti elettronici. Lo scalo romano è il primo in Italia ad avere ricevuto la certificazione Iata Ceiv per i prodotti farmaceutici.

“Questo primo studio ci restituisce un quadro in chiaroscuro dei nostri principali aeroporti – ha commentato Marina Marzani, presidente di Anama -. Ci sono aspetti di qualità e molti altri su cui lavorare, pubblico e privato insieme, per migliorare: in primis le infrastrutture, piste, magazzini, parcheggi e strade di collegamento, e un incremento delle rotte servite per aumentare i traffici. E’ anche necessaria un’accelerazione nella digitalizzazione dei processi”. “Questo primo studio traccia la strada per capire come risolvere tutti insieme i problemi del settore – Alessio Quaranta, direttore generale dell’Enac, ha ringraziato per l’analisi -. In termini di politiche pubbliche c’è bisogno di un approccio ad hoc: l’elevata qualità del prodotto trasportato ha bisogno di tempi rapidi di gestione e consegna”.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.