fbpx

13 Giugno 2019

Scarsa emissione bond italiani fino al 2020

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Minori esigenze di rifinanziamento, incertezza politica e debolezza economica. Questi tre fattori scatenanti, secondo Moody’s, della ridotta emissione di bond italiani che caratterizzarà tutto il 2019. Le imprese italiane anche quest’anno sceglieranno una bassa emissione di obbligazioni: il controvalore dovrebbe essere tra i 20 e 21 miliardi di euro, in lieve calo rispetto al già limitato livello del 2018 (22 mld) e ben al di sotto del record del 2017 di oltre 42 mld.

Secondo Moody’s Investors Service, “l’emissione di obbligazioni societarie non finanziarie italiane rimarrà contenuta nei prossimi 12-18 mesi”, spiega . “I grandi emittenti, per lo più ‘investment grade’, continueranno a dominare il mercato obbligazionario italiano fino al 2020, con imminenti scadenze del debito e ancora bassi tassi di interesse”, conclude  l’agenzia di rating.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscrivti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selelezione degli articoli di Fortune.