19 Settembre 2019

L’arte, la nuova vita di Luna Berlusconi

Giorgio Nadali

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Preferisce farsi chiamare semplicemente Luna. Per non far pesare il suo cognome. Luna Berlusconi, figlia di Paolo Berlusconi e nipote di Silvio, è nata come una produttrice televisiva ma ora si dedica prevalentemente all’arte, dipingendo.

Cos’è l’arte per Lei?

Per me l’arte è sempre stata la cura dell’anima, una forte passione che mi accompagna sin da bambina. Per anni la pittura è stata una valvola di sfogo relegata ai momenti difficili, è servito molto tempo per trovare la mia forma espressiva e superare il senso di insicurezza che mi avvolgeva quando affrontavo colori e pennelli.

Quanto è importante liberare le proprie aspirazioni?

La frustrazione è una caratteristica della nostra società: la vera battaglia è lottare per ciò che si vuole essere, un lavoro che inizia interiormente e che poi si riflette all’esterno. Personalmente, ho sempre creduto nei miei sogni e ho lottato per realizzarli. Sono fermamente convinta che non avere rimpianti sia la scommessa più grande.

Cos’è il successo secondo Lei?

Il successo è realizzare i propri sogni, diventare ciò che si desidera, ma anche crescere nel modo migliore i propri figli, essere una brava persona e avere una relazione stabile e sana. Tutte cose che possono sembrare scontate e banali, ma che al giorno d’oggi, secondo me, rappresentano delle grandi conquiste. La nostra quotidianità può essere stracolma di piccoli e grandi successi: basta focalizzare dove vogliamo andare.

Cosa La appassiona?

Più di tutto mi appassiona la conoscenza: sono curiosa e quando qualcosa di nuovo mi stimola mi piace studiare e approfondire quel tema. Ovviamente adoro anche andare per musei, leggere libri d’arte e motivazionali e impazzisco per le serie di Netflix.

Quanto la libertà finanziaria e la ricchezza economica permettono di seguire le proprie aspirazioni e dedicarsi solo a ciò che piace?

Sicuramente chi ha tempo e mezzi può dedicarsi con più tranquillità alle proprie passioni, poi però dipende dagli obbiettivi e dalle ambizioni. Non sono i soldi e il tempo a farti diventare ciò che vuoi!

Cosa è necessario secondo Lei per fare la differenza nel campo artistico?

In tutta sincerità non lo so ancora. So però che per ogni cosa ci vuole perseveranza e tanta diligenza, quindi per eccellere bisogna crederci e impegnarsi, giorno dopo giorno.

Che cosa la ispira soprattutto e cosa vuole trasmettere con la Sua arte?

In questo momento sono attirata soprattutto dai corpi: in particolar modo sto esplorando le forme delle donne, in tutta la loro morbidezza e sensualità. È il soggetto che più di ogni altro mi ispira e che ho scelto di rappresentare in oltre una decina di tavole.

Quanto un nome famoso incide per emergere nell’arte e nel business?

Nella mia arte parlano solo i dipinti e so che possono piacere o non piacere. Questa per me è la nuova sfida, quella che ho aspettato tutta la vita.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.