2 Ottobre 2019

Dazi: incontro Italia-Usa, rischio ‘mazzata’ su agroalimentare

Fortune

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Luca Mirone – L’Italia vuole schivare, o quantomeno ridurre al minimo, l’impatto della nuova ondata di dazi americani verso l’Ue: è questo il principale dossier che fa da sfondo alla visita a Roma del segretario di Stato americano Mike Pompeo, che oggi ha incontrato il presidente Sergio Mattarella ed il premier Giuseppe Conte, mentre oggi vedrà Luigi Di Maio.

Pompeo è sbarcato a Fiumicino alla vigilia di un pronunciamento del Wto molto temuto dalle cancellerie europee: l’entità delle compensazioni che gli Usa potranno chiedere all’Ue per gli aiuti a Airbus, giudicati illegali. Gira la cifra di 7 mld di euro, che gli americani potrebbero trasformare in tariffe aggiuntive ai prodotti europei. E l’Italia, che peraltro non fa parte del consorzio europeo dell’aviazione, rischia una mazzata per l’export del suo agroalimentare.

Quanto il tema sia sensibile lo dimostra il fatto che è stato Mattarella a introdurlo nel suo colloquio con Pompeo. Un colloquio di mezz’ora, in un clima molto positivo, si osserva dal Quirinale. In cui il capo dello Stato, pur senza entrare nel merito delle questioni di cui deve occuparsi il governo, ha auspicato un dialogo per giungere ad un’intesa Usa-Ue.

Anche Conte ha evocato i dazi con il ministro degli Esteri americano a Palazzo Chigi. Non prima di aver bloccato un’inviata delle Iene che aveva tentato, polemicamente, di consegnare a Pompeo una forma di Parmigiano. Il premier ha sottolineato che, nella misura in cui le due economie sono integrate, rispondere al dossier Airbus colpendo i prodotti agroalimentari italiani, che rappresentano la maggior parte dell’export negli Usa, sarebbe un duro colpo per il nostro Paese, in un momento in cui si cerca di rilanciare l’economia.

I dazi, allo stesso tempo, potrebbero provocare contraccolpi anche per il mercato americano, che del Made in Italy è innamorato. Da parte sua Pompeo ha chiarito di non essere direttamente responsabile del dossier, ma ha comunque assicurato di comprendere tali preoccupazioni. Tanto è vero che, in serata, Palazzo Chigi ha reso noto che “si è concordato sull’opportunità di rafforzare ulteriormente le già eccellenti relazioni economico-commerciali, con riferimento anche alle opportunità di crescita offerte dalla cooperazione industriale e alla questione dei dazi”.

I dazi sono l’arma principale del protezionismo di Donald Trump. Non solo contro l’Europa, ma soprattutto nella guerra commerciale con la Cina. E i rapporti l’Italia e Pechino sono stati l’altro piatto forte dei colloqui romani di Pompeo. Perché Washington vuole scongiurare che Roma, dopo aver aderito alla Via della Seta, subisca l’influenza del principale concorrente americano, magari adottando anche le reti 5G del Dragone. In questa chiave, il Dipartimento di Stato ha fatto sapere che Pompeo è venuto a “discutere l’importanza dell’unità transatlantica” con l’Italia, che gli Usa considerano un “partner chiave” della Nato. Ma per consolidare tale unità gli europei devo dare di più. Quindi anche Roma deve impegnarsi in “maggiori investimenti per la difesa, per essere preparati alle minacce che l’Alleanza fronteggia, incluse quelle da sud”.

A sud siamo nel pieno della crisi libica, visto che a sei mesi dall’inizio dell’offensiva di Khalifa Haftar su Tripoli le armi non sono state ancora deposte. L’Italia giudica vitale la soluzione della crisi, tanto che sia Mattarella che Conte hanno chiesto a Pompeo che gli americani assumano un ruolo più forte nella stabilizzazione del paese africano. Nel colloquio, comunque, si è registrata la “convergenza sulla necessità di lavorare insieme per individuare al più presto una soluzione politica, riconoscendo l’insostenibilità dell’opzione militare”, ha riferito Palazzo Chigi.

Con la pacificazione della Libia l’Italia conta anche di limitare le partenze di migranti. Lo ha ricordato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio, che domani avrà un faccia a faccia con l’omologo americano a Villa Madama, dopo averlo visto al Quirinale con Mattarella. Poi i due ministri potranno godersi un po’ di relax a colazione con le mogli, sempre nella splendida residenza rinascimentale a Monte Mario. Mentre nel pomeriggio l’americano dovrebbe visitare il Colosseo e Galleria Borghese. Giovedì Pompeo sarà in Vaticano, tra un’udienza privata con il Papa e due colloqui con il segretario di Stato Pietro Parolin e l’arcivescovo Paul Gallagher, responsabile dei rapporti con gli altri Stati. Venerdì l’ultima tappa italiana nella terra dei suoi avi, l’Abruzzo.

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.