19 Novembre 2019

Le imprese spingono i governi ad agire per lo sviluppo sostenibile

Fabio Insenga

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Da Parigi a Roma. Nella stessa settimana un tema chiave, quello dello sviluppo sostenibile, passa per il Global Forum di Fortune e approda al Forum Sostenibilità di Fortune Italia. Quasi un passaggio di consegne, che avviene anche grazie alla presenza del direttore di Fortune, Clifton Leaf, al nostro evento del 21 e 22 novembre. Una delle sessioni più seguite all’hotel Intercontinental di Parigi, nella seconda giornata della conferenza globale, ha un titolo eloquente: ‘Getting serious about sustainability’.

Il tema è declinato da Christiana Figueres, former Executive Secretary of the United Nations Framework Convention on Climate Change. Evidenzia come il segnale chiaro che arriva dalle imprese, dal business, sia netto: l’ambiente e la sostenibilità contano, sono cruciali. Ora, aggiunge, è il momento che se ne accorgano anche i governi. “Iniziamo a vedere che i governi, sostanzialmente fermi negli ultimi due anni, stanno guardando alle imprese, capendo che vanno seguite”, dice di fronte alla platea. Questo, ricorda, perché ci sono momenti in cui “la pressione che arriva dalla leadership delle imprese può indurre i governi ad agire”. Come è successo per l’ultimo accordo sul clima, proprio a Parigi. La pressione di sei anni fa ha spinto la politica “non solo a prendere le decisioni necessarie ma anche a fare di più di quanto le imprese e gli investitori si aspettassero”. Da allora, però, i passi in avanti sono stati pochi e troppo lenti. “Ecco perché dobbiamo accelerare questo processo, subito”. Il tempo, infatti, sta scadendo.

Dal dibattito emerge un’indicazione importante. I consumatori, nel mondo, stanno diventando sempre più sensibili ai temi ambientali e a quelli sociali e le imprese si stanno rapidamente adeguando. Soprattutto perché stanno cambiando le richieste e le esigenze di chi acquista prodotti e servizi. Per questo, la sostenibilità è diventata una priorità. In tutti i settori, a partire da quelli più legati al cambiamento climatico, l’energia, l’industria e la gestione delle risorse ambientali.

Se ne parlerà già giovedì e venerdì prossimi al nostro Forum Sostenibilità. Il 21 novembre sei tavoli di lavoro discuteranno di energie rinnovabili, economia circolare, finanza sostenibile, mobilità sostenibile, rinnovo del patrimonio edilizio e consumo sostenibile. Il 22 novembre risponderanno alle nostre domande il direttore generale di Irena Francesco La Camera, l’amministratore delegato di Edison Nicola Monti, il presidente di Avio Aero Sandro De Poli, l’amministratore delegato di Siram Veolia, Emanuela Trentin.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.