Advertisement

25 Giugno 2020

Scuola, il fallimento non è solo di Azzolina

Fabio Insenga

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Proteste di piazza, fibrillazioni politiche, un ritardo inaccettabile. La scuola si sta confermando un asset sottovalutato, prima, e mortificato, poi, dall’incapacità di prendere decisioni. Doveva essere una delle priorità assolute, è diventato il problema principale della ripartenza post Covid. Prima ancora di andare a fondo nella catena delle responsabilità che ha prodotto questa impasse dolorosa, non si può che guardare al fallimento, politico e personale, della ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina.

 

Le linee guida prodotte dal ministero di Viale Trastevere fanno il pieno di critiche. Arrivano da tutte le parti, da tutte le componenti coinvolte: studenti, genitori, insegnanti. Soprattutto dai presidi, che si troveranno a dover gestire una gigantesca responsabilità senza avere gli strumenti per farlo. Il piano scuola sembra soprattutto una clamorosa ammissione di impotenza. Se ogni scuola deve fare da sé, con i propri mezzi o con quelli che garantiranno gli Enti locali, è l’osservazione che ricorre, non si capisce a cosa serva un piano Scuola. Soprattutto, non ci sono ancora gli elementi per capire come e con quali garanzie si possa tornare in classe a settembre. Motivo per cui anche tutti i sindacati esprimono perplessità e sospendono il giudizio in attesa di qualcosa di più concreto.

 

Già la gestione degli esami di maturità è stata all’insegna del minimo sforzo possibile. Ora, il nuovo anno scolastico rischia seriamente di diventare una sconfitta dolorosa per tutto il sistema Paese. Proprio per la portata del problema e per il peso specifico che deve avere l’istruzione, non si può archiviare il tema con le colpe, pure evidenti, di un singolo ministro. La responsabilità, a monte, ricade inevitabilmente su chi guida il governo, il premier Giuseppe Conte, e sulle forze politiche che lo sostengono. “Dateci ancora un po’ di tempo”, ha detto il Presidente del Consiglio ai microfoni del Tg1, aggiungendo: “La scuola è un pilastro del nostro sistema sociale, sono i nostri bambini, il nostro futuro. È normale che ci sia molta attenzione, molta preoccupazione”. Non basta.

 

L’opposizione, oggi, ha gioco facile nell’urlare l’incapacità e l’inadeguatezza di un ministro. In un contesto normale, le stesse forze di maggioranza avrebbero imposto un passo indietro. Pure anche come solo gesto simbolico e auto-assolutorio. Difficilmente accadrà. Perché questo governo sconta e continuerà a scontare il principale vizio che si porta dietro dalla nascita: quello di essere fondato su un compromesso, su un equilibrio precario. Che sia o meno riconosciuto come necessario, come il male minore, resta un compromesso che non consente di spostare pesi e poltrone. La conseguenza è la convivenza difficile tra personalità eccellenti, che nel governo ci sono, e personalità mediocri.

 

Ma che a farne le spese siano gli studenti e la scuola italiana è un errore che può rivelarsi imperdonabile.

 

A portata di click

Acquista Fortune in formato digitale per leggere i nostri contenuti su qualsiasi dispositivo.

In ufficio o a casa tua

Abbonati per ricevere dove preferisci ogni nuova uscita della versione cartacea di Fortune.

Rimani aggiornato

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere la migliore selezione degli articoli di Fortune.