Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
anima new

Il nuovo caricatore per la MotoE di Enel X

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
moto e enel x

Si chiama JuiceRoll race edition ed è la nuova stazione di ricarica creata e sviluppata da Enel X per la Fim Enel MotoE World cup. Questa stazione accompagnerà le moto elettriche a partire dalla prima gara della terza stagione della competizione, in programma per il prossimo weekend a Jerez de la Frontera, in Spagna.

Il nuovo caricatore, sviluppato dalla business line di Enel, ha un sistema di storage interno e due unità interconnesse, vale a dire un’unità semi-mobile, chiamata Smu e un’unità mobile, detta Mu. A differenza del JuicePump 50 usata nella prima e nella seconda stagione della MotoE, il nuovo dispositivo può ricaricare da zero una moto elettrica in circa 40 minuti.

“Questo dispositivo assorbe meno potenza dalla rete grazie al suo sistema di accumulo integrato e garantisce più energia per la gara attraverso un’unità mobile in grado di ricaricare le moto anche sulla griglia di partenza”, ha spiegato Francesco Venturini, Ceo di Enel X.

Ricercare sostenibilità e garantire allo stesso tempo competitività e prestazioni massime è la sfida degli eMotorsports. Il nuovo caricatore di Enel x va proprio in questa direzione.

Per quanto riguarda i dettagli tecnici, la Smu, posizionata nell’area di ricarica dell’ePaddock, ha un’uscita di 50 kW a corrente continua, un ingresso a corrente alternata dalla rete fino a 22 kW e un sistema di accumulo integrato da 51 kWh.

In più 60 pannelli solari bifacciali 3Sun, montati nell’area di ricarica, per una capacità totale installata di 21 kWp, garantiscono ulteriore energia. Grazie a questo sistema, che comprende storage e fotovoltaico, in condizioni di normale funzionamento, la potenza assorbita dalla rete durante la carica è limitata a 4-5 kW.

La Mu, invece, è un caricatore a corrente continua mobile da 10 kW, alimentato dall’unità semi mobile e dotato di un sistema di stoccaggio integrato da 6 kWh che consente all’unità di ricaricare le moto, progettate dall’azienda modenese Energica motor company, mentre si trovano in pit lane o sulla griglia di partenza.

In particolare, l’unità mobile consente una carica finale di sette minuti sulla griglia di partenza, consentendo alle moto di coprire una distanza maggiore rispetto alle stagioni precedenti.

Durante la sessione di ricarica nell’ePaddock, il JuiceRoll race edition può fornire alle moto fino a 1 megawatt distribuito su 20 caricatori, richiedendo 100 kilowatt dai pannelli solari e dalla rete in condizioni operative normali, grazie all’unità di storage integrata.

In più, se necessario, le batterie consentono ai caricatori di funzionare senza connessione alla rete elettrica. Questo perché sono in grado di compensare eventuali cali di potenza o blackout della rete e ricaricare comunque in sicurezza le moto.

Il JuiceRoll race edition grazie alla Mu può anche alimentare le termocoperte elettriche per gli pneumatici sia nel Paddock, sia in pit lane sia in griglia di partenza, ma anche durante i trasferimenti tra queste aree. Del resto, mantenere le gomme calde è fondamentale per le prestazioni ottimali delle moto.

Infine, l’intero sistema può essere controllato da remoto, gestendo i carichi di potenza così da ottimizzare la fornitura di energia elettrica dalla rete.

SAS ARTICOLO
SAS
anima news 2
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
anima news 2
dhl

I più letti