Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
aimaa

La nuova hydrogen valley di Modena

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
idrogeno hydrogen

L’accordo tra Regione e Snam punta sull’Hydrogen innovation center di Modena. La versione completa di questo articolo, a firma di Morena Pivetti, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto 2021.

L’EMILIA ROMAGNA accelera sulla transizione energetica e la decarbonizzazione e si propone come punta di diamante per la sperimentazione e l’utilizzo dell’idrogeno e del biometano, per lo sviluppo della mobilità sostenibile e il miglioramento dell’efficienza energetica. E lo fa con un partner d’eccellenza: il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha siglato un protocollo d’intesa con Marco Alverà, amministratore delegato di Snam, una delle principali società di infrastrutture energetiche al mondo.

Qualche giorno dopo, a fine maggio, a conferma della stessa strategia, Snam ha annunciato l’avvio dell’hydrogen innovation center a Modena, il primo hub nazionale per le tecnologie dell’idrogeno che ha l’obiettivo di aggregare partner e centri di ricerca universitari, proprio per accelerare lo sviluppo di questa nuova filiera energetica.

“Vogliamo fare dell’Emilia Romagna la Regione della sostenibilità ambientale, economica e sociale – ha spiegato il presidente Bonaccini – investendo su innovazione, ricerca e conoscenza avendo come guida il nostro piano energetico regionale: costruire un sistema territoriale che utilizzi le energie rinnovabili e raggiunga la decarbonizzazione prima del 2050”. “Con questa collaborazione mettiamo a disposizione del territorio – ha argomentato Alverà – le competenze e le capacità realizzative di Snam nel biometano, nell’idrogeno, nell’efficienza energetica e nella mobilità sostenibile, per dare vita a progetti per la transizione energetica”.

Il protocollo prevede azioni per diffondere l’uso dell’idrogeno pulito nelle industrie e nei trasporti, con la graduale decarbonizzazione dei distretti industriali e civili e candidare così l’Emilia Romagna ad essere una delle ‘hydrogen valley’ italiane. La cooperazione nel biometano prevede di impiegare le biomasse agricole e i rifiuti organici della raccolta differenziata per alimentare l’autotrazione. Per la mobilità sostenibile si lavorerà con le aziende del trasporto pubblico locale ad abbattere le emissioni e a favorire un maggior uso di carburanti ecologici e la transizione energetica delle flotte pubbliche e per il trasporto di persone e merci.

Infine, nel campo dell’efficienza energetica l’accordo vaglierà con gli enti locali misure per la riqualificazione degli immobili e degli uffici pubblici – ospedali, Rsa, case popolari, scuole e università – realizzando analisi di fattibilità e progetti pilota da condividere con il sistema della ricerca, a partire dalle università.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio/agosto 2021. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

 

Connect The Intelligent
Innova Finance
dhl

Leggi anche

dhl
anima 2
data factor

I più letti