Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
pfizer

Round da 2 mln per la gestione del personale data-driven di Yobs

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
gestione del personale lavoro Covid leadership

Yobs Technologies è una startup (incubata presso I3P) che mette insieme la figura del Data Scientist e quella dello psicologo del lavoro per una gestione del personale ottimizzata. Nel suo round seed, ha annunciato questa settimana, ha raccolto 2 milioni di euro, raggiungendo una valutazione di 10 mln.

Tra gli investitori che hanno scelto di puntare sul progetto spiccano figure professionali ed esperti del settore come il celebre psicologo del lavoro Adam Grant, la giovane fondatrice della startup unicorno della Silicon Valley Scale AI Lucy Guo e l’ex Head of Product di Ironclad e Facebook Kat Orekhova.

L’obiettivo della startup è innovare l’HR attraverso lo studio della personalità, dei soft skills, e dell’emotional intelligence.

Fondata nel 2018 dal francese Raphael Danilo e dall’italiano Federico Dubini con sede a Los Angeles, e dal 2020 incubata in I3P, l’incubatore del Politecnico di Torino, Yobs ha messo a punto una piattaforma “intelligente” che rivoluziona i processi di talent decision delle aziende per renderli più inclusivi, meritocratici e performanti e che, nell’era dei colloqui a distanza e delle videochiamate, risulta più che mai necessaria.

La startup ha infatti sviluppato un API (Application Programming Interface) che, attraverso video interviste, permette di raccogliere e analizzare più di 400 parametri e captare dati chiave come espressione facciale, sintassi, segnali comportamentali per analizzare parametri chiave per la performance, come personalità, intelligenza emotiva, capacità di apprendimento e fit dei team. Un approccio data-driven che garantisce processi interni oggettivi, spiegabili e giustificabili che tutelano i valori di diversity & inclusion.

Scelto tra gli altri da Nissan Motors, Nova Talent, ManpowerGroup e Leroy Merlin, il progetto di Yobs supporta dunque le aziende nella selezione dei candidati tenendo conto di uno spettro di dati più completo e rilevante, che valuta anche le soft skill: questo permette di velocizzare notevolmente i tempi di assunzione, migliorare la performance e la diversità.

Nelle fasi di gestione del talento, inoltre, il software sviluppato da Yobs assiste le aziende per capire chi sia pronto per una promozione, come costruire team complementari, sviluppare e riqualificare i talenti, man mano che le posizioni diventano obsolete per l’evoluzione tecnologica. Si riesce così a gestire l’intera crescita di un individuo all’interno di un team e dell’azienda.

“Le imprese sono fatte dalle persone: il nostro obiettivo è quello di riportare al centro della discussione l’importanza del talento”, spiega Federico Dubini, co-founder di Yobs. “Formare un team eterogeneo è una delle variabili che incidono sul successo delle startup e le imprese hanno bisogno di raggiungere gli obiettivi e valutare le performance dei propri dipendenti, soprattutto dalle nuove modalità di lavoro da remoto. Il futuro del lavoro vede aziende con team più remoti e diversi, con posizioni sempre più dinamiche che in media ogni due anni diventano obsolete. Per le aziende del futuro è d’obbligo sviluppare processi di selezione, gestione, sviluppo e riqualificazione del personale basati sul potenziale e non solo sul ‘pedigree’”.

Basato su un sistema ibrido di cognitive service e del modello di interazioni umane (HITL, human in the loop), il software di Yobs è in grado di fornire lo stesso risultato di un talent assessment ma a una frazione del costo, del tempo e con un’infrastruttura più scalabile. Permette così alle aziende di ottenere su tutta la popolazione aziendale la stessa granularità di dati che fino a ora riescono a ottenere solo per la categoria degli executive, rendendo tutto il processo di selezione e gestione del personale guidato dal dato.

“La capacità di raccolta finanziaria di due milioni di euro nei primi round di investimento testimonia la solidità tecnologica ed il potenziale di crescita del modello proposto da Yobs”, commenta Giuseppe Scellato, Presidente di I3P. “La soluzione di Yobs intercetta una crescente richiesta d’innovazione nel settore delle risorse umane, offrendo strumenti che garantiscono efficacia, efficienza e trasparenza”.

Galapagos Rubrica
Innova Finance
servier 3

Leggi anche

ttg
servier box 2
data factor
omron
pfizer

I più letti