Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
SAS

Tra moda e real estate, torna Roberto Cavalli

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email

(Luxury&finance.it) – Un appuntamento importante per Roberto Cavalli, quello di Milano Moda Donna, che lo vedrà di nuovo tra i protagonisti delle passerelle dopo tre anni di assenza, ma anche l’occasione di un annuncio: la nascita della Cavalli Tower a Dubai, in un incontro tra moda e luxury real estate che si fa sempre più stretto. Di circa mezzo miliardo di dollari il valore del progetto, firmato dall’architetto Shaun Killa – ideatore del Dubai Museum of the Future -i cui lavori di costruzione inizieranno nel 2022, per una durata stimata di quattro anni. La Cavalli Tower sarà un grattacielo ultra lusso di 70 piani, che sorgerà proprio a Dubai, composta da 485 unità. A presentare la strategia di rilancio della maison è Hussain Sajwani, proprietario del brand e fondatore di Damac Properties, società di sviluppo immobiliare internazionale con sede a Dubai, ed Ennio Fontana, General Manager della maison.

“Si tratta di un nuovo ed entusiasmante capitolo per l’iconico marchio di moda italiano. Sono entusiasta di lanciare la Cavalli Tower pochi giorni prima della Milano Fashion Week, per far conoscere a tutti la rinascita di una leggenda del fashion”, ha affermato Sajwani. “Siamo impegnati nel rilancio del brand Cavalli e, proprio per questo, abbiamo investito in un talentuoso team di designer di fama internazionale. Vogliamo tornare ai massimi livelli nei mercati chiave e, negli ultimi 18 mesi, abbiamo siglato accordi per 5 nuovi negozi e aperture in franchising in Europa, Medio Oriente e India. Puntiamo ad aprire uno store a Miami nei prossimi tre/sei mesi, a dimostrazione della nostra volontà di rilanciare il brand nel mercato nordamericano. Per quanto riguarda il settore moda, il womenswear continuerà ad essere il nostro core business, ma abbiamo in programma di espanderci negli accessori, nelle calzature e nel menswear”, ha aggiunto Sajwani.

Il businessman ha acquisito Cavalli alla fine del 2019 attraverso la sua società d’investimento privata Dico Group, con l’obiettivo di rilanciare il celebre brand italiano, dopo anni di difficoltà e cambi di proprietà. “Attraverso una naturale estensione della sua visione, che va oltre stampe, abiti e passerelle spettacolari, Cavalli vive anche nell’affascinante mondo dell’home décor con il suo stile inconfondibile”, ha sottolineato Fontana, che punta di raggiungere il break even nel 2023. “Riteniamo che il marchio Cavalli sia una garanzia dell’eccellenza e del valore delle creazioni di moda. Damac Properties e la Maison italiana condividono lo stesso posizionamento nel settore del lusso. Il glamour di Cavalli si accompagna alla capacità di Damac nel creare molto più che semplici abitazioni, ma vere e proprie luxury lifestyle experience, dando vita ad una perfetta collaborazione simbiotica”, ha concluso Fontana.

“La Cavalli Tower rappresenta l’espansione globale della leggenda italiana del lusso nel settore edile. La mia visione è quella di innovare il brand Cavalli nelle aree in cui credo possa espandersi, portando avanti l’eredità di Roberto Cavalli, nel rispetto delle consolidate tradizioni nel fashion e delle sue inclinazioni artistiche”. La Cavalli Tower viene lanciata in un momento in cui il mercato immobiliare di Dubai sta attraversando una fase di ripresa molto più rapida rispetto alle attese degli analisti, con vendite totali intorno ai 100 miliardi di dirham degli EAU nel 2021 (pari a circa 23 miliardi di euro). Le compravendite di edifici in costruzione, impattate dalla pandemia di Covid-19 e dalle restrizioni per i viaggi e il turismo, stanno registrando una forte ripresa. Damac prevede che la Cavalli Tower riscuoterà un forte interesse da parte di clienti russi ed europei, fedeli acquirenti della casa di moda.

SAS ARTICOLO
SAS
Microsoft Banner Articolo
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti