Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement Advertisement
aimaa

Materie prime, l’allarme di Smi: Aumenti oltre il 50%

Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
cotone materie prime

Da LuxuryandFinance – L’aumento delle materie prime, utilizzate soprattutto nella produzione a monte della filiera del tessile abbigliamento e la forte domanda, conseguente alla forte ripresa economica: un combinazione che inevitabilmente si rifletterà sui prezzi, il cui aumento andrà ‘spalmato’ su tutta la catena produttiva a garanzia della “tenuta dell’unicità del made in Italy”. A lanciare l’allarme sulla accelerazione del rincaro delle commodities il presidente uscente di Sistema Moda Italia, Marino Vago, che evidenzia incrementi che superano in taluni casi il 50%.

L’aumento è iniziato alla fine del 2020, per proseguire nel 2021 e accelerare nelle ultime settimane. In particolare, nel mese di agosto, l’indice sintetico Smi mostra una crescita del +35,2% in euro (+34,5% in dollari americani) rispetto allo stesso mese del 2020.

In particolare, il cotone, come certifica l’indice A di Cotton Outlook, ha registrato un aumento tendenziale del +31,2% (in euro); l’indice A ha segnato un picco a fine agosto, che lo ha portato a quota 103,7; era dal febbraio 2012 che tale indice non sfondava il valore 100. E ancora, l’indice Awex Eastern per le lane ha chiuso il mese di agosto a +42% in euro rispetto ad agosto 2020; allo stesso tempo le fibre sintetiche (poliestere, nylon, acrilico) crescono del +51,6%, le artificiali (viscosa)del +19,3% (in euro).

Nello stesso mese la seta greggia sulla piazza di Como ha sperimentato un aumento di oltre il +30% su base tendenziale. Ma gli aumenti riguardano anche diversi prodotti chimici utilizzati nella manifattura tessile, in particolare nelle fasi di nobilitazione e finissaggio di filati e tessuti. Tra questi, sulla base delle rilevazioni effettuate dalla Camera di Commercio di Milano (con riferimento ai prezzi all’ingrosso) impennano letteralmente l’acido acetico glaciale 99-100%, che rileva un valore triplicato, passando da 510 euro/tonnellata medi ai primi di settembre 2020 ai 1.500 medi dei primi di settembre 2021; l’ammoniaca soluzione 28° BÉ, che ha sperimentato una variazione del +39% su base tendenziale (passa da 295 euro medi a tonnellata rilevati ai primi di settembre 2020 a 410 euro medi alla tonnellata rilevati ai primi di settembre 2021); l’urea tecnica, che cresce del +55,8%, passando dai 385 euro medi a tonnellata rilevati ai primi di settembre 2020 ai 600 rilevati ai primi di settembre 2021.

“Questa contingenza di aumenti così rilevanti – evidenzia Smi – si riscontra per una domanda che risulta eccessiva per il periodo, dovuta alla ripartenza delle attività economiche e della richiesta dei mercati internazionali di prodotti made in Italy. Purtroppo le forniture base derivano da Paesi che non sono ancora tornati attivi al 100% dopo i fermi della pandemia e questo ha scatenato rincari così pesanti sia per fibre che per sostanze chimiche e servizi legati alla logistica dei trasporti”. “Gli aumenti di materie prime e sostanze chimiche indispensabili nella nostra filiera creano ulteriori difficoltà, in questo momento così complesso nel nostro settore. I rincari – evidenzia Vago – impattano anzitutto sul cosiddetto ‘monte della filiera’ che in questi anni sta affrontando le maggiori difficoltà tra blocchi e aumenti che riguardano tutte le materie prime, le sostanze chimiche ed anche i servizi di logistica. Tutta la filiera deve essere compatta nell’affrontare questi problemi insieme ed i costi dovranno inevitabilmente essere spalmati su tutti gli attori dal monte al valle della nostra produzione, per la tenuta della nostra unicità di made in Italy”.

SAS ARTICOLO
SAS
Galapagos Rubrica
Innova Finance
dhl

Leggi anche

SAS
dhl
anima 2
data factor

I più letti