WBF

3DRap e Ups: l’e-commerce alleato della stampa 3D

3drap
Aboca banner articolo

La 3DRap, startup fondata a pochi chilometri da Avellino, cresce nel mondo anche grazie ai servizi di Ups. La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di ottobre 2021.

Volanti, cambi, sedili. La stanzetta di casa, il tinello che diventa l’abitacolo virtuale di un’auto da corsa. Potenza della tecnologia 4.0, dell’hardware, e competenza per 3DRap, startup fondata da quattro giovani ingegneri a Mercogliano, a pochi chilometri da Avellino, cinque anni fa.

Prototipazione, sviluppo, produzione di elementi per la simulazione di corse automobilistiche – Sim Racing – attraverso le stampanti in 3D. Oltre 50 componenti, con modifiche scalabili, a prezzi assai contenuti (sono compresi tra 50 e 100 euro), accessori e periferiche leggeri.

Spesso i prodotti sono realizzati su misura per consentire ai sim racer di riprodurre in casa abitacoli da corsa personalizzati, provando l’emozione e le sensazioni fisiche delle gare sull’asfalto, grazie anche all’evoluzione tecnologica, alla realtà aumentata.

“Eravamo partiti come service, producendo prototipi, poi abbiamo capito che la stampa in 3D poteva diventare non un fine ma un pezzo di produzione, perché ci permetteva di realizzare diversi tipi di oggetti – spiega Domenico Orsi, uno dei quattro founder di 3DRap – i primi prodotti realizzati per Sim Racing sono stati venduti sul mercato di cinque continenti, era il segnale che c’erano margini per crescere, anche grazie allo sviluppo delle piattaforme di simulazione delle gare”.

Il fatturato stimato per l’anno in corso è di circa 500mila euro, la mission è raddoppiare entro il 2022 e crescere ulteriormente nei prossimi anni. E per soddisfare la richiesta di pezzi, con consegna in tempi brevi e senza appesantire troppo i costi per Sim Racing sul mercato, 3DRap ha stretto una collaborazione con Ups, colosso mondiale della logistica.

Il servizio Ups Economy è stato creato appositamente per i rivenditori e-commerce globali che spediscono prodotti leggeri e a basso costo fino a 70 Paesi e territori in tutto il mondo, con prezzi simili a quelli di un corriere postale. Ups utilizza reti di terzi per la consegna dell’ultimo miglio, che è spesso la tratta più costosa. Anche a questo prezzo competitivo, le aziende che utilizzano Ups Economy possono usufruire dello sdoganamento in-house e della visibilità end-to-end di Ups.

Per ottimizzare gli ordini sui marketplace, 3DRap utilizza l’Ups Marketplace Shipping, che consolida gli ordini provenienti da più marketplace e inserisce le informazioni di monitoraggio della spedizione nei marketplace pertinenti per ogni ordine. Così il team di 3DRap risparmia tempo, poiché non è necessario elaborare ciascun ordine singolarmente.

“Vogliamo aiutare le piccole aziende come 3DRap a cogliere le opportunità del commercio internazionale generate dall’e-commerce con servizi di spedizione e soluzioni che possono supportarle in modo efficace, come il servizio di Ups Economy per la spedizione di componenti leggeri, o la piattaforma Marketplace Shipping per elaborare ordini da diversi marketplace.

Una recente ricerca di Ups sulle Pmi evidenzia come il 49% delle Pmi che ancora non lo fa, vorrebbe iniziare a vendere online: un partner logistico affidabile, con le giuste soluzioni, può fare la differenza, come dimostra il caso di 3DRap”, spiega Lotta Vikman, Country marketing manager di Ups Italia.

L’asse con Ups, l’opzione di spedizione asset-light a basso costo, ha consentito a 3DRap di incrementare di oltre il 20% le vendite negli Stati Uniti, che resta il suo principale mercato internazionale, riducendo i tempi di consegna del 40%. E se il mercato del Sim Racing, anche per il boom senza sosta degli e-sports, che secondo Statista vale 1,1 miliardi di dollari entro la fine dell’anno (e 1,6 miliardi di dollari entro il 2024), produce dividendi, 3DRap nel recente passato ha dato prova di sapersi adattare alla realtà, di riconvertirsi, anche durante la pandemia.

A marzo di un anno fa, con l’improvvisa carenza di respiratori che aveva colpito l’Italia nelle prime fasi di Covid-19, la startup avellinese ha realizzato in poche ore una trentina di valvole, attraverso le stampanti 3D, per le apparecchiature dei reparti di terapia intensiva, sostenendo lo sforzo della startup Isinnova, dell’ospedale di Chiari (provincia di Brescia) e di FabLab (Laboratorio di fabbricazione digitale) di Brescia.

La valvola riprodotta in 3D ha consentito di collegare la maschera ai tubi dei respiratori, per l’ingresso e l’espulsione dell’ossigeno, con un circolo interno che porta aria allo stesso respiratore.

Dopo poco è arrivato l’accordo con il colosso francese degli articoli sportivi Decathlon, per produrre ancora componentistica in 3D, trasformando le maschere subacquee in respiratori medici.

L’ingegno, la forza del metodo, in tempi di emergenza. “Abbiamo sfruttato la predisposizione della stampa 3D che cambiando un file, senza cambiare la linea produttiva, consente di produrre oggetti assai diversi tra loro, in generale più volte siamo stati in grado di prototipare, sviluppare, produrre oggetti di settori più disparati”, aggiunge il cofounder di 3DRap.

Nel frattempo, la lunga fase delle restrizioni ha tenuto a casa assai più tempo i clienti di 3DRap, dedicatisi al Sim Racing, determinando così un aumento senza precedenti del volume degli ordini.

“Ora lavoriamo sull’affinamento del metodo produttivo, non ci sono ancora standard sul controllo del processo e delle materie prime con la produzione in 3D – aggiunge Orsi – poi stiamo provando a migliorare anche l’aspetto estetico delle produzioni per migliorare la qualità. Inoltre, è previsto il lancio di una linea di prodotti con il marchio 3DRap, produzione di periferiche proprietarie complete”.

La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di ottobre 2021. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

 

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.