POSTE header

Il Pnrr e la ‘questione’ giovani

giovani
Poste banner articolo
Teva banner articolo

Quando si parla di giovani, quasi sempre si scade in pessime generalizzazioni. I giovani fanno o non fanno quello che dovrebbero, i giovani sono migliori o peggiori degli adulti, i giovani ascoltano o non ascoltano i buoni insegnamenti. Quasi sempre si dicono cose approssimative per il semplice fatto che i giovani sono persone diverse tra loro, come in qualsiasi altra fascia di età, e perché il concetto di generazione, X, Y o Z che sia, è inevitabilmente vago.

C’È PERÒ OGGI una ‘questione giovani’ che va oltre qualsiasi contaminazione sociologica. L’elemento di rottura costituito dalla pandemia Covid, con tutte le conseguenze politiche, economiche e sociali che si è portato dietro, impone un salto di qualità nella visione e nella progettualità.

IL PNRR È UNO STRUMENTO pensato e costruito nell’ottica di agevolare un cambiamento indispensabile. Quando si parla di trasformazione tecnologica, di transizione ecologica, o di transizione energetica, si pensa innanzitutto alle riposte che servono di fronte a esigenze, o emergenze come nel caso del cambiamento climatico, che riguardano tutti ma che evidentemente coinvolgono soprattutto le nuove generazioni.

C’è un dato che, più degli altri, rende queste risposte imprescindibili: c’è una distanza consistente tra chi oggi ha meno di 20 anni (anche se fissare questa soglia riporta inevitabilmente nel campo delle generalizzazioni) e gli adulti che devono prendere le decisioni, quasi tutti almeno over 40 e in molti casi ultracinquantenni. Il primo passo utile è cercare di capire chi sono veramente i giovani oggi. Senza dimenticare che, come premesso, sono tante cose diverse.

UNA PRIMA, SOSTANZIALE, differenza. Ci sono i giovani ai margini della società, quelli che rischiano di restare esclusi non per loro scelta ma per provenienza familiare e di contesto. E recuperarli, in ogni modo e con qualsiasi strumento, a partire dall’istruzione, è una priorità assoluta. Ci sono poi i giovani che si preparano a trovare il loro ruolo nella società. E vanno messi nelle condizioni migliori per esprimere tutte le loro potenzialità. La distanza che va colmata quando si parla di giovani chiama in causa soprattutto la responsabilità della politica, quella della società civile, e la nostra, quella di chi fa informazione. La chiave deve essere l’interesse reciproco: meritare fiducia e dialogare.

Il Pnrr sembra un primo tentativo nella direzione giusta. I giovani sono più digitali, più attenti alle conseguenze del cambiamento climatico, molto più avanti sul piano dei diritti civili. Provare a soddisfare le loro esigenze è una strada obbligata.

La cover story di questo numero è dedicata proprio agli aspetti del Pnrr che riguardano più da vicino i giovani. Un’intervista con il ministro per le Politiche giovanili, Fabiana Dadone, mette in evidenza una priorità assoluta: l’emancipazione economica. Quando si parla di Pnrr non si può eludere il tema dei controlli, per evitare che vengano sprecate le risorse a disposizione. Ne parliamo con Franco Massi, magistrato contabile e segretario generale della Corte dei conti. Guardiamo alla transizione energetica approfondendo i piani di due realtà importanti, Ansaldo Energia e Grimaldi.

UNO SGUARDO FUORI dall’Italia ci porta a due storie interessanti. La Greater Bay Area, nella Cina meridionale tra Guangdong, Hong Kong e Macao, punta a diventare un ambiente di business capace di competere a livello globale e sfidare la Silicon Valley sulla tecnologia. La TikTok economy, quella sostenuta dagli influencer, continua a guadagnare spazio negli Stati Uniti.

La versione originale di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di ottobre 2021. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.