WBF

Fortune 500, ecco i Ceo più pagati (e ‘strapagati’) d’America

Aboca banner articolo

La retribuzione dei Ceo in America continua a salire alle stelle. Fortune.com ha analizzato i numeri per vedere chi sta guadagnando di più, chi se lo merita, e chi sono i 10 Ceo più strapagati nella Fortune 500. La versione completa di questo articolo, a firma di MAria Aspan e con ricerche di Scott De Carlo, è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022 .

Anche per gli standard di un potente magnate dei media della Fortune 500, David Zaslav ha generato un numero eccessivo di notizie nell’ultimo anno. E la maggior parte di loro riguardava gigantesche quantità di denaro. Nel maggio 2021, la Discovery Inc. di Zaslav ha accettato di acquistare l’unità WarnerMedia di AT&T, il peso massimo di Hollywood che possiede anche Hbo e Cnn. La megafusione è stata valutata 43 mld di dollari e ha gravato sulla neonata Warner Bros. Discovery, la società che Zaslav gestisce oggi come Ceo, con un gigantesco totale di 55 mld di dollari di debiti. Ne è seguita una quantità di colpi di scena degna di una serie tv. Questo febbraio, due mesi prima della chiusura della fusione, il capo della Cnn Jeff Zucker, un caro amico di Zaslav, si è improvvisamente dimesso per una relazione sentimentale non rivelata con una dipendente.

La caduta di Zucker ha complicato il debutto di Cnn+, una piattaforma di streaming per la quale il canale di notizie aveva speso più di 300 mln di dollari. Cnn+ ha debuttato il 29 marzo, pochi giorni prima che Discovery rilevasse formalmente la Warner Bros. Tre settimane dopo, Zaslav ha chiuso il progetto. I media hanno banchettato con la notizia per settimane. In mezzo a tutti questi intrighi aziendali, Zaslav ha generato altri titoli di giornale. Questa volta, per il suo compenso alle stelle. Anche per Zaslav, che appare spesso nelle liste di Ceo altamente retribuiti, è stato un anno straordinario: all’inizio di marzo, il consiglio di amministrazione di Discovery gli ha assegnato un pacchetto del valore di 247 mln di dollari.

Ecco i Ceo più pagati d'America nel 2021
Ecco i Ceo più pagati d’America nel 2021

Quella cifra includeva una concessione pluriennale di opzioni su azioni future, ma anche eliminando ciò che non ha ancora ‘realizzato’, Zaslav ha comunque raccolto 71 mln di dollari nel 2021, secondo l’analisi di Fortune. Uno stipendio incredibile anche per gli standard esagerati dei Ceo. Inoltre, è uno stipendio difficile da conciliare con le sue prestazioni. Nonostante tutte le manovre e le trattative di Zaslav, il suo record è piuttosto poco brillante, almeno se sei uno degli azionisti della sua azienda. Nel corso degli oltre dieci anni di Zaslav come Ceo, le azioni della sua società hanno ampiamente sottoperformato l’S&P 500, fornendo un rendimento annualizzato del 5,8% contro il 9,4% del mercato.

E negli ultimi tre anni, le azioni di Discovery hanno tristemente sottoperformato anche i colleghi dell’industria dell’intrattenimento, con un rendimento medio annuo del -16,9% contro un -4,1%. Quell’abisso tra retribuzione e prestazioni è stato quasi sufficiente per far guadagnare a Zaslav il titolo di Ceo più strapagato nella Fortune 500. Ma non ce l’ha fatta. Il primo posto, invece, va a Dexter Goei, capo del fornitore di servizi via cavo Altice Usa, che da tempo perde abbonati e clienti della banda larga. Secondo i calcoli di Fortune, Goei ha ricevuto una media di 16,1 mln di dollari di risarcimento negli ultimi tre anni.

Questa è una frazione della media triennale di Zaslav di 62,7 mln di dollari. Ma la società di Goei è andata ancora peggio per gli azionisti, sia considerando il suo mandato di sei anni sia l’ultimo periodo di tre anni. Per questo Fortune ha indicato Goei come il Ceo più strapagato nella Fortune 500 per il 2022. Zaslav è il numero 2. Un portavoce della Warner Bros. Discovery ha rifiutato di commentare questo articolo. Un portavoce di Altice Usa ha contestato l’analisi di Fortune e ha dichiarato via e-mail: “Il compenso del signor Goei è pienamente allineato con le prestazioni dell’azienda” e “apprezziamo la sua leadership e il suo impegno nei confronti dei nostri dipendenti, clienti e azionisti”.

Crescita del rapporto tra i compensi dei ceo e quelli dei lavoratori
Crescita del rapporto tra i compensi dei ceo e quelli dei lavoratori

Il mondo degli affari ha lottato con la sfida della retribuzione dei Ceo per decenni. Quanto più del lavoratore medio vale un alto dirigente? Qual è il modo corretto per allineare gli incentivi degli amministratori delegati agli azionisti che possiedono le società quotate in borsa che i Ceo gestiscono? L’unica costante nel dibattito è che la retribuzione del Ceo continua a salire. L’amministratore delegato medio delle grandi aziende ha realizzato 351 volte la retribuzione del lavoratore medio su base dati del 2020, secondo l’Economic policy institute (Epi), che ha monitorato la metrica per decenni.

Il rapporto era di 21 a 1 nel 1965. E come illustrano gli esempi di Goei e Zaslav, la dimensione dei pacchetti di retribuzione dei Ceo appare spesso completamente scollegata dalle prestazioni. “Il sistema retributivo è stato stravolto per molti anni e ora siamo a questo punto: è enormemente sproporzionato rispetto a qualsiasi aumento del valore delle azioni”, afferma Rosanna Landis Weaver, senior manager del programma di giustizia salariale e retribuzione esecutiva presso As You Sow, un gruppo di difesa degli azionisti senza scopo di lucro. Per portare nel dibattito un po’ di rigore, quest’anno abbiamo deciso di macinare i dati e classificare i 10 Ceo più strapagati nella Fortune 500. Sono anche stati identificati i Ceo che forniscono il maggior valore rispetto al loro compenso.

Ci sono molti modi per analizzare come vengono pagati i migliori dirigenti americani, anche a partire dalle cifre complessive in dollari e da come la retribuzione di un Ceo si confronta con quella del dipendente medio. As You Sow, ad esempio, negli ultimi otto anni ha pubblicato la propria lista dei 100 Ceo super pagati, che considera il rapporto retributivo Ceo-lavoratore, così come i voti degli azionisti contro i pacchetti di retribuzione e i rendimenti totali per gli azionisti. Ma in qualsiasi modo lo si voglia guardare, il compenso record per gli amministratori delegati della Fortune 500 fa infuriare gruppi di azionisti, esperti di corporate governance, dipendenti e alcuni legislatori, specialmente in quest’epoca di crescente disuguaglianza di reddito: nel 2021, i salari orari complessivi degli Stati Uniti sono diminuiti in media del 2,4%, al netto dell’impennata dell’inflazione. Nel frattempo, i Ceo della Fortune 500 che abbiamo esaminato hanno ottenuto un compenso totale medio di 15,9 mln di dollari, in aumento del 30% rispetto all’anno precedente.

Per compilare le nostre classifiche, ci siamo concentrati sulla retribuzione rispetto alla performance basata sui rendimenti per gli azionisti. Abbiamo analizzato la retribuzione e le prestazioni dei 280 Ceo della Fortune 500 che sono stati nel loro ruolo per almeno tre anni, abbastanza tempo per valutare equamente i loro track record. La nostra valutazione ha classificato i Ceo in base a quattro fattori: retribuzione totale triennale; performance azionaria triennale rispetto a quella degli omologhi del settore; performance azionaria annualizzata rispetto al mandato totale del Ceo; confronto della performance rispetto all’S&P 500 nello stesso periodo.

La nostra analisi ha identificato il Ceo di Biogen Michel Vounatsos come il terzo più strapagato nei 500. Biogen ha annunciato all’inizio di maggio che Vounatsos si sarebbe dimesso. Una notizia che ha fatto seguito al disastroso lancio del controverso trattamento per l’Alzheimer dell’azienda biotech. Il consiglio di amministrazione di Biogen ha dimezzato il bonus 2021 di Vounatsos, “per ritenerlo responsabile delle prestazioni aziendali complessive della società nel 2021”, ha affermato nel suo proxy statement. Ma Vounatsos, che mantiene il suo posto di Ceo fino a quando non viene nominato un sostituto, ha comunque guadagnato un bonus di 1,2 mln di dollari, un salario di 1,5 mln, e un compenso totale, per il 2021, del valore di 15,1 mln.

La versione completa di questo articolo è disponibile sul numero di Fortune Italia di luglio-agosto 2022. Ci si può abbonare al magazine di Fortune Italia a questo link: potrete scegliere tra la versione cartacea, quella digitale oppure entrambe. Qui invece si possono acquistare i singoli numeri della rivista in versione digitale.

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.