WBF

Thailandia: la meta perfetta per i nomadi digitali

Aboca banner articolo

Le spiagge sabbiose di Phuket, le strade animate di Bangkok e le montagne di Chiang Mai potrebbero presto essere tutte opzioni per i nomadi digitali in cerca della loro nuova base di partenza.
La Thailandia offrirà presto un visto di 10 anni ai potenziali residenti a lungo termine, con domande che apriranno il 1 settembre. Il programma spera di attrarre “risorse umane straniere con alto potenziale e competenze”. È quanto ha dichiarato Narit Therdsteerasukdi, vice segretario generale del Consiglio di amministrazione thailandese Investimenti.

Il visto è rivolto principalmente a persone che lavorano nei settori high-tech, come veicoli elettrici, biotecnologia ed elettronica. Ma sarà disponibile anche per i dipendenti di società straniere che desiderano stabilirsi in Thailandia come nomadi digitale o “professionisti del lavoro dalla Thailandia”, così come li descrive il visto.

I titolari di visto sarebbero tassati a un’aliquota inferiore: il 17%, in contrasto con il 35% addebitato su un reddito superiore a $ 140.000. (Per confronto, gli Stati Uniti applicano un’aliquota fiscale del 35% sul reddito compreso tra $ 215.950 e $ 539.900). Il visto sarà disponibile anche per coloro che hanno più di 1 milione di dollari di patrimonio, o per i pensionati con un reddito stabile, in modo simile ad altri cosiddetti “programmi di visto d’oro” che offrono la residenza a ricchi stranieri.

La Thailandia è l’ultimo paese a cercare lavoratori a distanza come nuova fonte di visitatori, poiché gli hotspot cercano di ricostruire e rinnovare le loro industrie turistiche dopo la pandemia di Covid.

La Thailandia spera di portare un milione di persone da Giappone, Corea del Sud, Cina, Stati Uniti ed Europa. Therdsteerasukdi ha detto a Nikkei Asia che si aspetta che i titolari di visto contribuiscano con circa 28.000 dollari a persona all’economia locale, con l’intero schema che contribuisce in totale a 27,6 miliardi di dollari.

I documenti del Consiglio per gli investimenti della Thailandia definiscono i requisiti per diventare un “professionista del lavoro dalla Thailandia”: è necessario aver guadagnato $ 80.000 all’anno per almeno due anni (con alcune eccezioni), avere almeno cinque anni di esperienza e lavorare per un’azienda che ha generato almeno $ 150 milioni di entrate in tre anni.

Il Consiglio è chiaramente interessato ad attirare lavoratori a distanza. Il suo sito Web sbandiera un sondaggio della società di spazi di lavoro Instant Offices che designa Bangkok come la seconda migliore posizione al mondo per i nomadi digitali (dietro Lisbona, in Portogallo).

Nomadi digitali

Anche altri paesi del sud-est asiatico stanno facendo appello ai nomadi digitali. L’Indonesia, patria dell’isola turistica di Bali, sta valutando un visto per i lavoratori a distanza che consentirebbe loro di rimanere fino a cinque anni. A giugno, il ministro del turismo indonesiano Sandiaga Uno ha detto a Bloomberg che sperava che il visto potesse attirare visitatori con una spesa maggiore.

Uno ha descritto il visto nomade digitale come parte di un’iniziativa più ampia per ricostruire l’industria del turismo del Paese. “In passato, le ‘tre S’ erano sole, mare e sabbia. Lo stiamo spostando verso serenità, spiritualità e sostenibilità”, ha detto Uno all’epoca.

Una ricerca del professore della Harvard Business School Raj Choudury rileva che 33 paesi offrono un visto nomade digitale formale. La maggior parte dei visti offre soggiorni da uno a due anni, di cui il più lungo è di quattro anni. Questi programmi spesso esentano il reddito da lavoro straniero dalle tasse locali.

La ripresa del turismo in Thailandia

La perdita di turisti a causa delle restrizioni di viaggio dovute al Covid-19 ha creato un grosso buco nell’economia thailandese. Prima della pandemia, il turismo contribuiva per circa l’11% al PIL della Thailandia. La Thailandia ha revocato tutte le restrizioni COVID, comprese le restrizioni di viaggio, il 1° luglio.

Il 26 luglio, il ministero delle finanze thailandese ha previsto che il Paese ospiterà 8 milioni di turisti quest’anno. Si tratta di un aumento rispetto ai 6 milioni previsti ad aprile, ma ancora molto al di sotto dei 40 milioni che hanno visitato il paese prima della pandemia.

La Thailandia è ottimista sul fatto che i visitatori torneranno. Bangkok ora spera di tornare ai livelli di crescita pre-pandemia entro il prossimo anno, grazie a un rimbalzo più rapido del previsto nei viaggi internazionali.

Tuttavia, è probabile che i turisti cinesi, la più grande fonte di entrate turistiche della Thailandia prima della pandemia, rimarranno a casa fintanto che Pechino manterrà il suo rigido sistema di quarantena per gli arrivi internazionali, compresi i turisti di ritorno.

Ma un’altra importante fonte di turisti potrebbe essere sulla via del ritorno in Thailandia. A ottobre, Aeroflot riprenderà i voli diretti giornalieri tra Mosca e Phuket dopo che la compagnia aerea russa ha interrotto i voli a seguito dell’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

L’articolo originale è disponibile su Fortune.com

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Leggi anche

CDP1Advertisement
CDP2Advertisement
IV Forum Health
WBF

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.