Ita Airways tira dritto: flotta rafforzata e nuove rotte

ita airways alitalia
Teva banner articolo
Aboca banner articolo

Ita Airways dopo lo stop alla trattativa esclusiva col fondo Usa Certares guarda al 2023 con ottimismo. Nei giorni scorsi Ita ha ricevuto dal Governo Meloni la seconda tranche da 400 milioni del finanziamento complessivo di 1,35 miliardi di euro, messo a disposizione  per il lancio della compagnia e per implementare il piano. Un finanziamento sostanzioso autorizzato dall’Ue. Anche grazie a queste risorse la compagnia di bandiera prova rilanciarsi.

Amplia la flotta, lancia nuove rotte intercontinentali da Roma verso gli Usa e America Latina. Apre a nuove destinazioni come Riyadh, Jeddah e Kuwait City. Nel 2023 entreranno in funzione 39 aeromobili di nuova generazione di cui 9 wide body (A330-900) e 30 narrow body (corpo stretto). Vanno in soffitta quelli di precedente generazione.

Lo sviluppo della flotta determinerà “un incremento pari al 73% rispetto al 2022 della capacità in termini di posti offerti per km sull’intero network”, scrive la società in una nota, sottolineando che l’incremento è “principalmente guidato dalla capacità sulle rotte di lungo raggio che registreranno addirittura un +107% “. Inoltre l’ampliamento della flotta rappresenta “un ulteriore passo in avanti” nella strategia di crescita di Ita che la porterà ad essere “nel 2026 la compagnia più green d’Europa” con l’80% di flotta di nuova generazione, ma “già a fine 2023 la flotta sarà al 50% di nuova generazione”.

Per quanto riguarda le rotte, Ita conferma tutti i collegamenti di lungo raggio già lanciati quest’anno mentre in estate partiranno i voli per Washington e San Francisco e da novembre quelli per Rio de Janeiro. “L’arricchimento” delle destinazioni del network dimostra “l’impegno” della compagnia a diventare “l’operatore di riferimento” per la mobilità degli italiani, con il raggiungimento di due obiettivi fondamentali: “la soddisfazione delle diverse esigenze della clientela” ed un “crescente incremento della redditività”, spiega Ita, sottolineando quindi di “aver mantenuto gli impegni di crescita previsti per il 2022 e di aver gettato le basi per un ulteriore incremento della propria presenza sul mercato”. Sindacati soddisfatti per la conferma da parte di Ita dei piani di sviluppo per il 2023. Una soddisfazione accompagnata da una richiesta: che questa crescita venga accompagnata da nuove assunzioni.

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.