POSTE header

Riforma dell’abuso d’ufficio, Meloni si schiera con i sindaci

Aboca banner articolo
Aboca banner articolo

Il reato d’abuso d’ufficio? Deve essere riformato. I sindaci? Sono fondamentali nella vita del Paese, non possono essere “inchiodati” nel loro agire dalla “paura della firma”. L’appello è della premier Giorgia Meloni all’Assemblea dell’Anci. Ed è chiaro. La maggioranza di Governo sarebbe già al lavoro per mettere a punto un testo che ‘renda più libero’ chi è in prima linea sul territorio. Soprattutto nel periodo in cui si deve dare attuazione al Pnrr. In Parlamento ci sono già due progetti di legge. Uno, al Senato, firmato da Erika Stefani, capogruppo Lega in commissione Giustizia e uno a Montecitorio, sottoscritto da Cristina Rossello (FI). Sono testi di provvedimenti già depositati nelle precedenti legislature riproposti solo per “tenere accesa l’attenzione sul tema”.

Tema di cui si torna a parlare spesso nelle assemblee dell’Anci per poi sparire subito dopo dall’ agenda politica. Stavolta, però, si assicura nell’Esecutivo, la riforma si farà. Perché su questo, dice anche il ministro dell’ Interno, Matteo Piantedosi, “c’è un’aspettativa dei sindaci, non per avere una cornice di protezione”, ma per vedersi garantita una “maggiore agibilità”.

“Dal momento dell’avviso di garanzia all’assoluzione”, sottolinea Giorgia Meloni, “possono passare anni, reputazione e famiglia vengono distrutte” e non si possono “lasciare gli amministratori in balia di norme penali così elastiche da prestarsi a interpretazioni molto arbitrali”. Il Governo, spiega la premier davanti alla platea di sindaci che l’ascolta in assemblea Anci, “si metterà al lavoro per modificare alcuni reati contro la P.A. a partire dall’abuso di ufficio”. A tracciare la strada per una possibile azione legislativa immediata è il viceministro alla Giustizia Francesco Paolo Sisto che, sempre all’Anci, ipotizza di modificare il reato: “Si potrebbe pensare di intervenire sull’abuso d’ufficio di vantaggio per lasciare l’abuso di danno”. L’articolo 323 del codice penale, prevede infatti che il reato si concretizzi se si procura “un ingiusto vantaggio patrimoniale” o se si “arreca un danno ingiusto”.

La pena va da 1 a 4 anni e aumenta “nei casi in cui il vantaggio o il danno hanno un carattere di rilevante gravità”. Anche il Pd rivendica di aver presentato numerose proposte di legge sull’abuso. Ed é “necessario intervenire in questa fase molto delicata per l’Italia, in cui ci troviamo alle prese con la piena attuazione del Pnrr”, dice il Dem Piero De Luca. “E’ necessario – incalza il capogruppo FI Alessandro Cattaneo – mettere i Comuni nelle condizioni di spendere bene e subito le risorse del Pnnr e dare loro la libertà di lavorare senza l’incubo della firma”. La revisione della norma è “una priorità non più rinviabile”.

 

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.