POSTE header

Usa, non sarà la solita recessione

jerome powell fed usa recessione
Teva banner articolo
Teva banner articolo

Investitori ed economisti hanno lanciato l’allarme recessione. Ma un importante economista che ha visto crescere da mesi i segnali di allarme sostiene che questa potenziale recessione è diversa da quelle a cui siamo abituati.

Quell’economista è Mohamed El-Erian, ex Ceo di PIMCO, influente operatore del mercato obbligazionario. El-Erian è stato presidente del Global Development Council dell’ex presidente Barack Obama ed è autore di diversi best-seller economici. In poche parole, è uno dei migliori osservatori viventi della Fed e dei mercati, e quello a cui sta assistendo da un po’ non gli piace.

C’è una tendenza a vedere le sfide economiche come “temporanee e rapidamente reversibili”, ha scritto El-Erian in un commento per Foreign Affairs, citando il pensiero della Federal Reserve secondo cui l’alta inflazione sarebbe transitoria e l’opinione diffusa che una recessione potrebbe avere breve durata.

“Il mondo non è soltanto sull’orlo di un’altra recessione”, ha continuato. “È nel bel mezzo di un profondo cambiamento economico e finanziario”. El-Erian ha fatto riferimento alla teoria economica secondo cui una recessione si verifica quando un ciclo economico raggiunge il suo termine naturale e prima che il successivo prenda il volo, ma ha aggiunto che questa volta non si tratterà semplicemente di un altro giro della “ruota economica”, poiché vede il mondo sperimentare grandi cambiamenti che “sopravviveranno all’attuale ciclo economico”.

Ha evidenziato tre tendenze che suggeriscono che è in corso una trasformazione nell’economia globale.

Tre grandi tendenze evidenziano la trasformazione dell’economia mondiale

La prima, dice El-Erian, è il passaggio da una domanda insufficiente a un’offerta insufficiente.

La seconda è la fine della liquidità illimitata da parte delle banche centrali.

La terza è la crescente fragilità dei mercati finanziari.

Questi trend aiutano a spiegare “molti degli insoliti sviluppi economici degli ultimi anni”, ha scritto, e – guardando al futuro – vede ancora più incertezza “con shock economici sempre più frequenti e più violenti”. Gli analisti non si stanno ancora rendendo conto di questo, ha aggiunto.

Il primo cambiamento è stato determinato dagli effetti della pandemia, a partire dall’arresto dell’intero sistema e dai sussidi del governo che El-Erian ha definito “enormi elemosine”, causando “picchi di domanda di gran lunga superiori all’offerta”.

Ma col passare del tempo, ha proseguito El-Erian, è diventato chiaro che il problema dell’approvvigionamento “derivava da qualcosa di più della semplice pandemia”. È legato all’invasione russa dell’Ucraina che ha provocato sanzioni e tensioni geopolitiche, insieme alla diffusa carenza di manodopera seguita alla pandemia. Le interruzioni nelle catene di approvvigionamento hanno lasciato il posto al “nearshoring”, un cambiamento più permanente delle aziende che stanno spostando la loro produzione più vicino “a casa”, piuttosto che ricostruire la catena di approvvigionamento come era nel 2019. Ciò riflette un cambiamento nella “natura della globalizzazione”.

“A peggiorare le cose, questi cambiamenti nel panorama economico globale arrivano nello stesso momento in cui le banche centrali stanno modificando radicalmente il loro approccio”, ha detto El-Erian.

Come ha fatto già da mesi, El-Erian ha criticato la Federal Reserve in particolare per essere troppo lenta nel riconoscere l’infiltrarsi dell’inflazione nell’economia, e quindi per la necessità di aumentare fortemente i tassi per recuperare il tempo perduto.

Con l’impennata dell’inflazione, la Fed ha fatto perno su rialzi aggressivi dei tassi, con gli ultimi quattro aumenti tutti di 75 punti base che hanno portato il tasso dei fondi federali tra il 3,75% e il 4%.

Questo radicale cambiamento nell’approccio ha portato al terzo problema, scrive El-Erian. “I mercati hanno riconosciuto che la Fed stava cercando di recuperare il tempo perduto e hanno iniziato a preoccuparsi che avrebbe mantenuto i tassi più alti più a lungo di quanto sarebbe giovato all’economia. Il risultato è stata la volatilità dei mercati finanziari”.

I mercati sono stati abituati ad aspettarsi denaro facile dalle banche centrali, ha detto, e l'”effetto perverso” di questo è stato riversare “una fetta significativa dell’attività finanziaria globale” la gestione patrimoniale, la private equity e gli hedge fund, tra le altre attività meno regolamentate. Le oscillazioni dei mercati da quando l’era si è conclusa del denaro facile possono essere intese come la ricerca di una nuova casa, dal punto di vista degli investimenti, di quella importante fetta di mercato. Così il sistema è vulnerabile.

“La fragilità del sistema finanziario complica anche il lavoro delle banche centrali”, ha detto. “Invece di affrontare il loro solito dilemma – come ridurre l’inflazione senza danneggiare la crescita economica e l’occupazione – la Fed ora affronta un trilemma: come ridurre l’inflazione, proteggere la crescita e l’occupazione e garantire la stabilità finanziaria”.

El-Erian non è il solo a citare molteplici minacce al futuro dell’economia mondiale. Il navigato economista Nouriel Roubini e lo storico della finanza Adam Tooze sono altre due voci di spicco che avvertono di minacce interconnesse.

Roubini ha appena scritto un nuovo libro intitolato Megathreats su almeno 10 giganteschi problemi economici che il mondo si trova a fronteggiare, mentre Tooze ha reso popolare il termine “policrisi” per descrivere un gruppo di problemi correlati e interconnessi.

Lo stesso Roubini ha recentemente dichiarato a Fortune che lui e Tooze stanno descrivendo un insieme simile di fenomeni, anche se non ha fatto cenno alle critiche di El-Erian. Tuttavia, come El-Erian, Roubini ha spiegato i molteplici fattori in gioco e come il fatto che siano così interconnessi crei un effetto domino, contribuendo a una possibile recessione.

“Un aumento dei tassi di interesse può determinare un crollo dei mercati azionari, dei mercati obbligazionari, dei mercati del credito e dei prezzi dei prodotti in generale con conseguenti ulteriori danni finanziari ed economici”, ha detto Roubini a Fortune.

Tuttavia, ha spiegato che l’aumento dei tassi aiuta a combattere l’inflazione, anche se rischia di provocare un atterraggio difficile, innescando “shock negativi” alla catena di approvvigionamento.

Andando avanti, ha concluso El-Erian, questi cambiamenti renderanno più difficile prevedere i risultati economici. E non si tratterà necessariamente di un semplice risultato, ma piuttosto del riflesso di un “effetto a cascata”, in quanto un evento negativo potrebbe facilmente portare a un altro.

L’articolo completo è su Fortune.com

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Leggi anche

cinema 2
ABOCA sidebar
TEVA sidebar

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.