Cerca
Close this search box.

Ricchi sempre più ricchi, è record diseguaglianza

moderna bancel

Nel biennio della pandemia Covid, il 2020-2021, l’1% più ricco della popolazione mondiale ha visto crescere il valore dei propri patrimoni. Più 26.000 miliardi di dollari in termini reali. Questo 1% si è accaparrato il 63% dell’incremento complessivo della ricchezza netta globale (42.000 miliardi di dollari). Stiamo parlando di quasi il doppio della quota (37%) andata al 99% più povero della popolazione mondiale.

Insomma la tendenza è “ricchi sempre più ricchi” e “poveri sempre più poveri”. Una spirale di sperequazioni assurde resa ancora più pesante dalla crisi energetica e alimentare globale con il ritorno in grande dell’inflazione. Tutto ciò emerge dal rapporto  Oxfam ‘La disuguaglianza non conosce crisi’. Un documento pubblicato in occasione dell’apertura dei lavori del World Economic Forum di Davos.

“Battuto dunque il record dell’intero decennio 2012-2021, in cui il top-1% aveva beneficiato di poco più della metà (il 54%) dell’incremento della ricchezza planetaria”, si legge in una nota dell’organizzazione non governativa. “Mentre la gente comune fa fatica ad arrivare a fine mese, i super-ricchi hanno superato ogni record nei primi due anni della pandemia, inaugurando quelli che potremmo definire i ruggenti anni ’20 del nuovo millennio” spiega Gabriela Bucher, direttrice esecutiva di Oxfam International.

Un trend già in atto, visto che negli ultimi 10 anni i miliardari hanno raddoppiato la propria ricchezza in termini reali, incremento pari a quasi sei volte quello visto dal 50% più povero della popolazione mondiale, e l’1% più ricco ha accumulato, in termini reali, “un ammontare di ricchezza 74 volte superiore a quella del 50% più povero”.

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.