Cerca
Close this search box.

“Tim down” in tutta Italia, milioni senza internet 

tim kkr

Le prime segnalazioni degli utenti inviperiti sono arrivate verso le 11 del mattino di domenica.  #Timdown era trend topic già a mezzogiorno, con oltre 7mila citazioni solo su twitter. Per tutta la giornata i clienti di Telecom Italia non hanno avuto accesso alla loro connessione internet.

L’azienda, a metà giornata, ha informato i clienti del disservizio diffuso. E ha fatto sapere, con una nota stringata ma chiara, che è “stato rilevato un problema di interconnessione internazionale, che impatta il servizio a livello nazionale”. In pratica, c’è stato un problema sul traffico dati – non sulla telefonia – che limitava la circolazione dei dati in uscita da server all’estero.

Il problema rilevato ha richiesto un lungo intervento di analisi per risolvere la situazione. Per la normalizzazione dei servizi si è dovuto attendere per ore. Diciamo che la normalità è stata raggiunta alle 16,55. Il disservizio, però, non è figlio di un attacco hacker. Almeno questo è quanto si è appreso da fonti della polizia postale. La Polizia delle Telecomunicazioni ha rassicurato sotto questo profilo:  le infrastrutture Telecom non sono state bersagliate dai pirati.

L’assenza di connessione a internet, in particolare sulla rete fissa, nella domenica di campionato, ha provocato una vera e propria ondata di proteste sui social. Gli utenti più inferociti sono stati i clienti DAZN. I tifosi del Napoli quelli maggiormente penalizzati. In tanti hanno denunciato di aver visto a spizzichi e bocconi il match che gli azzurri hanno vinto a La Spezia. Anche i tifosi meneghini hanno rischiato di non vedere il derby Inter-Milan. Ma a sera la Tim ha fatto sapere di aver ripristinato la rete, in tempo per la partita serale.

Il disservizio ha colpito soprattutto le grandi città. Tanto da spingere il Codacons a chiedere a Tim di valutare “indennizzi per chi ha subito danni a causa del down della rete”. L’azienda si è scusata con i suoi clienti, ma per l’associazione dei consumatori Tim deve “fornire al più presto garanzie sul fronte della protezione dei dati e delle informazioni personali dei propri utenti, soprattutto in considerazione della posizione dell’azienda nel mercato della telefonia in Italia e dei milioni di clienti”. 

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.