GILEAD
Cerca
Close this search box.

L’impresa italiana sbarca in Iraq: firmato l’accordo fra Sace e Gksd

Gilead

Forniture e servizi italiani sbarcheranno presto in Iraq. Fra Baghdad e Bassora saranno realizzate diverse strutture, in particolare impianti di termovalorizzazione e nuovi ospedali del valore di diversi milioni di dollari, a cura di Gksd Investment Holding, che svolge il ruolo di apripista per le aziende italiane in diversi ambiti industriali, su indicazione del Ministero dell’Industria Iracheno.

A margine di questi investimenti, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa fra Sace, nella persona dell’Ad Alessandra Ricci, – già nella lista delle Most Powerful Women di Fortune Italia 2022Kamel Ghribi, Presidente di Gksd Investment Holding, e Paolo Rotelli, Vicepresidente di Gksd Investment Holding (entrambi ricoprono anche il ruolo di Vicepresidente del Gruppo San Donato)

“Questa firma rappresenta un passo importante verso una partnership che, siamo certi, porterà opportunità e sviluppo a lungo termine sia per le imprese italiane sia per l’Iraq, con benefici concreti per le comunità e il benessere collettivo”, ha dichiarato Alessandra Ricci, che aggiunge “L’accordo pone le basi per intensificare gli scambi commerciali tra i due Paesi, permetterà alle imprese italiane presenti in Iraq di partecipare alla realizzazione di importanti progetti dal forte impatto sociale in ambito infrastrutturale ed energetico e sottolinea ancora una volta il nostro ruolo per la crescita sostenibile delle aziende italiane nel mondo”.

Sace che è l’agenzia Italiana per il credito all’esportazione – direttamente controllata dal ministero dell’Economia e delle Finanze – si impegna sostenere i nuovi e i potenziali progetti promossi in Iraq da Gskd, che impatteranno su diversi settori ad alto valore sociale: investimenti per il risparmio energetico, realizzazione e gestione di ospedali, edilizia abitativa e servizi connessi, oltre a ulteriori progetti di costruzione che Sace è pronta a supportare, con linee di credito per l’esportazione in Iraq di altre forniture e servizi italiani.

L’Iraq ha vissuto una lunga stagione di crisi e insicurezza dalla quale sta uscendo grazie al governo”, racconta Kamel Ghribi, che spiega come il governo sia “fortemente impegnato nel restituire la stabilità al Paese. È in questo nuovo scenario che vanno valutate le numerose opportunità per le imprese italiane”. Gksd Investment Holding vanta una importante esperienza, in particolare in ambito sanitario, e può contribuire fattivamente alla rinascita del Paese e alla riorganizzazione della sua sanità, come racconta Ghribi: “Partendo innanzitutto dall’urgente bisogno di infrastrutture e costruzioni nuove, ma anche di expertise gestionale e medico scientifica”.

Gksd Investment Holding è leader mondiale nella pianificazione, sviluppo e gestione di progetti, che spaziano dai lavori di costruzione e dalle operazioni di acquisizione, alle attività medico-scientifiche, fino a servizi di consulenza, e grazie alla firma di questo accordo con Sace si finalizza un comune obiettivo: sviluppare una potenziale cooperazione su una serie di progetti in Iraq. Si punta anche a incoraggiare gli scambi commerciali tra Italia e Iraq anche in altri settori.

La partnership consentirà a Sace di individuare, nel prossimo futuro, nuove opportunità in Iraq dove Gksd Investment Holding, con i suoi fornitori italiani, possa portare benefici concreti.

 

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.