Cerca
Close this search box.

A bordo di Evrima una crociera non crociera

Una grande nave è partita dal terminal crociere di San Juan e si è inoltrata nel blu profondo dei Caraibi, navigando verso l’orizzonte in un tripudio di luci e musica. Ho osservato la gigantesca nave Epic della Norwegian Cruise Line dal punto di osservazione più alto della terrazza della Evrima, ancora in porto. Costruita in Spagna e battezzata a Lisbona lo scorso novembre, Evrima (nella foto in evidenza, credit to Jack Hardy) è la primogenita della Ritz-Carlton Yacht Collection, un elegante barracuda blu lungo 623 piedi. Minuscolo rispetto alla Epic.

Un membro dell’equipaggio ha guardato la meganave norvegese. “Lavoravo su quella”, mi ha detto. Quando gli ho chiesto se preferiva quella o Evrima, mi ha guardato con uno sguardo che sembrava dire: “Davvero?”.

Evrima è una nave da crociera per chi odia le crociere. Rappresenta anche una nuova tendenza: catene di hotel di lusso si accaparrano una fetta dell’industria crocieristica globale, che secondo un rapporto del 2022 dovrebbe crescere dell’11% all’anno e raggiungere i 15 mld di dollari entro il 2028. Il settore si è dimostrato straordinariamente resiliente alle epidemie di norovirus, alle critiche sul suo tremendo bilancio ambientale e alle denunce di abusi sul lavoro, il tutto prima che la pandemia globale di Covid provocasse titoli nefasti sui giornali come ‘Abbandonati in mare’ e ‘Inferno di una crociera’. Per l’esercito di fedelissimi delle crociere è tutta acqua passata.

“Nel preciso momento in cui le compagnie di lusso hanno ricominciato a navigare, i miei clienti erano già pronti”, dice Mary Ann Ramsey, consulente di viaggio della Florida con 40 anni di esperienza. L’associazione di categoria Cruise Lines International Association prevede che nel 2023 le navi da crociera trasporteranno 31,5 milioni di passeggeri, superando il volume pre-pandemia di 29,7 milioni del 2019.

Stanno crescendo nuove generazioni di crocieristi. I Millennials rappresentano un mercato in forte crescita e gli albergatori di fascia alta come il Ritz-Carlton scommettono di riuscire a far salire a bordo anche coloro che vedono la crociera come il simbolo dell’ostentazione e che preferirebbero nuotare fino a St. Barth piuttosto che arrivarci con la Carnival. “I clienti più giovani non ne vogliono sapere, forse i loro genitori o nonni, sono crocieristi incalliti”, dice Ramsey. “Ora, con Evrima, non devono partecipare alle crociere dei loro nonni”.

È significativo che la casa madre del Ritz-Carlton, Marriott (Marri-yacht?), non si riferisca mai a Evrima con termini plebei come ‘nave’ o ‘barca’. La parola ‘yacht’ evoca l’esclusività, il luogo dove un giudice della Corte Suprema cena o beve un bicchiere di vino o, come nella serie ‘The White Lotus’ della HBO, dove attirare un’ereditiera svampita verso la sua fine. In vista della mia crociera di cinque notti alle Isole Vergini (4.500 dollari a persona, tutto compreso, era il viaggio meno costoso tra quelli offerti), mi sono chiesto: un’imbarcazione per 298 passeggeri e 246 membri dell’equipaggio può essere davvero percepita come uno yacht piuttosto che come una nave da crociera?

C’è sicuramente più spazio per distendersi rispetto a una crociera tradizionale. Non ho mai dovuto accaparrarmi un lettino in piscina. Non ho mai fatto una fila, un ‘trenino’ o altro.

Secondo Doug Prothero, fondatore della Ritz-Carlton Yacht Collection, Evrima ha il 20% di spazio pubblico in più per passeggero rispetto alle navi da crociera tradizionali, e le sue prossime ‘sorelle’, Ilma (che partirà nel 2024) e Luminara (2025), saranno ancora più spaziose. “Le persone hanno una vita piena di impegni e l’ultima cosa che vogliono fare in vacanza è sentirsi intrappolati nell’obbligo di dover fare qualcosa, afferma. “Se si sbarca con 6.000 persone durante un’escursione a terra, è un po’ come andare al lavoro a Manhattan”.

Quando abbiamo attraccato a St. Croix di fronte alla mastodontica Voyager of the Seas della Royal Caribbean, ho assistito esattamente a questo scenario: una calca di persone che passava intorno a un trampoliere, come un fiume intorno a un albero. Finché la marea non si è fermata, sono rimasto a bordo di Evrima, osservando il suo piccolo patrimonio: orchidee affusolate, il carrello del bar rifornito di rari Macallan, la scintillante boutique di orologi Cartier e borse Chanel. Dopo un massaggio, mi sono rilassato nella sala relax della Spa sul ponte 9, con le sue sedie a sdraio rivolte verso il mare e nessun altro ospite.

Ogni mattina verso le 7 ero l’unico cliente del bar nella Living Room e portavo il mio croissant e il mio cappuccino sulla terrazza per ammirare St. John o Jost Van Dyke. In quattro mattine ho visto altri due passeggeri. Al ‘S.E.A.’, il ristorante dello chef stellato Sven Elverfeld, ho degustato il menù con sei portate in squisita solitudine, prima che arrivasse un gruppo di quattro persone mentre raccoglievo le ultime perle di caviale di Imperia da una capasanta dorata. Sembrava di essere su uno yacht.

Entro il 2026, Four Seasons, Orient Express e Aman debutteranno con le crociere su superyacht, ma per ora il Ritz-Carlton è il padrone delle acque. Attualmente nel Mediterraneo e nell’Egeo (da 7.900 a 15.500 dollari per 5-11 notti), Evrima tornerà ai Caraibi a novembre. I suoi viaggi includono alcuni porti visitati dalle compagnie più grandi (Nassau, Barbados), ma per lo più getta l’ancora al largo di isole meno conosciute: Martinica, Great Exuma, Grenadine e Virgin Gorda, dove ho trascorso una giornata al Rosewood Little Dix Bay, una struttura leggendaria costruita da Laurence Rockefeller nel 1964. Il maggiordomo del resort, che mi ha fatto visitare una villa in stile ‘casa sull’albero’, mi ha chiesto con quale imbarcazione fossi arrivato e io ho risposto immediatamente: “Lo yacht”.

“Devi farti portare dallo yacht ai Dogs”, mi disse, riferendosi a un arcipelago nelle vicinanze. “Le immersioni sono eccellenti”. Ho cercato di chiarire: “Non è il mio yacht”, ma non ha capito. Una volta sentito “yacht”, non c’è molto altro da sentire. Ho detto che l’avrei detto al capitano.

 

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.