GILEAD
Cerca
Close this search box.

Supporto per la formazione e il lavoro, ecco come e a chi richiedere aiuto dopo la conclusione del Reddito di Cittadinanza

Gilead

A partire dall’1 settembre, una serie di nuove misure prenderà il via, segnando una fase di transizione dopo la conclusione del Reddito di Cittadinanza (Rdc). Tra queste, spiccano il Supporto per la Formazione e il Lavoro (Sfl) e il Sistema Informativo per l’Inclusione Sociale e Lavorativa (Siisl), che si propone di mettere in connessione domanda e offerta nel settore della formazione e dell’occupazione. Queste iniziative prenderanno avvio a partire dal prossimo venerdì, e sono state ufficializzate dalla Regione.

L’evento di presentazione del Siisl avrà luogo nella sede dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (Inps) e vedrà la partecipazione della Ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Marina Calderone. Questa piattaforma rappresenta un passo importante nell’ambito dell’inclusione sociale e lavorativa, promuovendo l’interazione tra coloro che cercano opportunità di formazione e lavoro e le risorse disponibili in questo settore.

Una delle misure chiave è il Supporto per la Formazione e il Lavoro, che si rivolge specificamente a coloro che escono dal Reddito di Cittadinanza. Questa misura ha preso forma come strumento per facilitare il passaggio al mondo del lavoro attraverso la partecipazione a programmi di formazione, riqualificazione, orientamento e progetti utili alla comunità. Le richieste per il Supporto per la Formazione e il Lavoro potranno essere presentate a partire dall’1 settembre direttamente sul sito dell’Inps o tramite i patronati, mentre dal primo gennaio 2024 sarà possibile farlo anche tramite i Centri di Assistenza Fiscale (Caf).

Questa misura è indirizzata a individui tra i 18 e i 59 anni appartenenti a nuclei familiari con Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee) inferiore a 6.000 euro. L’obiettivo principale è agevolare l’ingresso nel mercato del lavoro per coloro che hanno la capacità di occuparsi.

Un elemento chiave che accompagna il Supporto per la Formazione e il Lavoro è la piattaforma Siisl. Le persone che intendono richiedere questa misura dovranno iscriversi a questa piattaforma, che funge da hub per l’interazione tra domanda e offerta nel settore della formazione e dell’occupazione. Centri per l’impiego, agenzie per il lavoro, soggetti accreditati, enti di formazione e altri attori rilevanti condivideranno le loro risorse in questa piattaforma per massimizzare le opportunità di inclusione.

È importante sottolineare che questa piattaforma non sarà esclusiva per coloro che escono dal Reddito di Cittadinanza, ma sarà presto aperta anche a coloro che entrano nel mondo del lavoro per la prima volta e a chi desidera reinserirsi. La piattaforma rappresenta un passo avanti nell’integrazione dei servizi e delle opportunità disponibili per chiunque cerchi di costruire una base solida nel mondo lavorativo.

In attesa dell’Assegno di Inclusione (Adi), che entrerà in vigore il 1 gennaio 2024, queste nuove misure segnalano l’impegno del governo nell’affrontare le sfide dell’inclusione sociale e lavorativa, offrendo supporto tangibile a individui e famiglie in transizione verso una maggiore indipendenza finanziaria e stabilità.

Leggi anche

Ultima ora

ABBIAMO UN'OFFERTA PER TE

€2 per 1 mese di Fortune

Oltre 100 articoli in anteprima di business ed economia ogni mese

Approfittane ora per ottenere in esclusiva:

Fortune è un marchio Fortune Media IP Limited usato sotto licenza.